Storie Italiane, Sandra Milo in lacrime: “Ho i conti pignorati. Persone come me si sono uccise”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 23 Aprile 2019 8:10 | Ultimo aggiornamento: 23 Aprile 2019 8:21
storie italiane sandra milo

Storie Italiane, Sandra Milo in lacrime: “Ho i conti pignorati. Persone come me si sono uccise”

ROMA – “Lo scorso anno per Natale ho avuto un accertamento di 3 milioni di euro. Ero abbastanza tranquilla pensando che fosse un errore e che si riuscisse a dimostrare. Invece alla fine hanno deciso di tassarmi per 870-880 mila euro. Pure è una cifra enorme. È durissima. Io non li ho questi soldi. Mi hanno requisito tutto, il conto in banca e qualsiasi cosa. Questa è una cosa che riguarda tantissima gente. Ci sono tanti italiani in queste condizioni, tanti si sono uccisi…”. Sono le parole di Sandra Milo, ospite di Eleonora Daniele a Storie Italiane su Rai 1 lunedì 22 aprile, dove ha raccontato i problemi con il fisco.

“Ho detto all’agenzia delle entrate: come posso pagare se non mi revocate il sequestro? Toglietemi il sequestro e, un po’ alla volta, pagherò. Altrimenti vi devo dare il mio sangue?” ha inoltre affermato la Milo, che più volte non è riuscita a trattenere le lacrime. La conduttrice allora le si è avvicinata stringendole le mani: “Promettimi che tornerai a sorridere, ti prego… Senza il tuo sorriso noi non stiamo più bene, ti prego Sandra! Abbiamo bisogno di te, hai capito?” ha detto a Sandra Milo, tra gli applausi del pubblico presente.

“Io non ho lavorato così tanto negli anni passati. Sono due o tre anni che lavoro un po’. Ho continuato a lavorare perché ho un pubblico che mi ama e io amo il mio pubblico, però non potevo guadagnare niente, non potevo prendere niente perché veniva tutto requisito dalle tasse. Io sono una donna che vive del suo lavoro, non ho mai guadagnato cifre esagerate.  È molto duro e difficile. Come si fa? Una persona che vive del suo lavoro e che ha delle famiglie a carico, perché oggi sono i vecchi che lavorano e i giovani non hanno lavoro” ha concluso l’86enne. (fonte RAI PLAY)