Strage di Erba, Le Iene: “La storia della macchia di sangue sulla macchina di Olindo”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 29 gennaio 2019 23:17 | Ultimo aggiornamento: 29 gennaio 2019 23:17
Strage di Erba, Le Iene: "La storia della macchia di sangue sulla macchina di Olindo"

Strage di Erba, Le Iene: “La storia della macchia di sangue sulla macchina di Olindo”

ROMA – Stasera, martedì 29 gennaio, è andato in onda lo speciale delle “Iene” sulla Strage di Erba. La strage di Erba è avvenuta l’11 dicembre del 2006. Per la strage sono stati condannati all’ergastolo Rosa Bazzi e Olindo Romano. Uno dei pilastri dell’accusa, spiega Antonino Monteleone delle Iene , è la macchia di sangue di una delle vittime ritrovate sulla macchina di Olindo Romano.

“La macchia di sangue di una delle vittime ritrovate sulla macchina di Olindo Romano – spiega Monteleone – è uno dei pilastri dell’accusa”.

“Quella traccia invisibile ad occhio nudo – racconta – sarà l’unica prova scientifica ad inchiodare secondo i giudici Rosa e Olindo”. “Quel sangue – spiega ancora – è stato trovato lì e fino a prova contraria incastra il proprietario dell’auto: Olindo Romano”.

“Ma esaminando dal primo all’ultimo verbale c’è chi sostiene che la storia di quella macchia di sangue possa essere un’altra”.

“Uno dei carabinieri – racconta il giornalista Edoardo Montolli – è uno dei carabinieri che era salito sul luogo della strage. Ecco come potrebbe essere arrivato sulla macchina: per contaminazione. Ma non era l’unico che poteva essere salito sul luogo della strage. I carabinieri erano quattro”.

“Quindi – dice la “Iena”  è possibile che il sangue che è stato trovato lì sia arrivato per contaminazione. Per esempio può essere che la scarpa sporca di qualcuno che è stato sulla scena del crimine abbia poi sporcato la macchina di Olindo Romano nelle ore successive”.