Striscia la Notizia, sasso contro Luca Abete durante il servizio sulle bici-scooter illegali

di Redazione Blitz
Pubblicato il 1 febbraio 2019 11:40 | Ultimo aggiornamento: 1 febbraio 2019 11:40
striscia bici scooter

Striscia la Notizia, sasso contro Luca Abete durante il servizio sulle bici-scooter illegali

ROMA – Striscia la Notizia, in un servizio dell’11 dicembre 2018, si era occupata di alcuni particolari veicoli simili a biciclette ma mosse da un acceleratore sul manubrio. Uno scooter a tutti gli effetti, dunque, ma ampiamente illegale poiché senza targa, senza assicurazione e soprattutto condotto senza casco.

Nelle ultime ore sta imperversando una televendita che propone proprio questo tipo di veicolo sospetto, dotato di acceleratore e pedali. Le immagini mostrano chiaramente come il guidatore non faccia uso dei pedali. Per saperne di più, un gancio del programma ha preso appuntamento con un rappresentante dell’azienda che subito ha fatto chiarezza sull’articolo.

“Rientra nella famiglia delle bici elettriche ed è uno scooter a tutti gli effetti. I pedali non pregiudicano la guida, volendo potrei anche toglierli” spiega. “Per farlo accelerare c’è un interruttore apposito”.

Luca Abete, inviato del Tg satirico, parla con il capitano Ciro Colimoro, dell’Unità Operativa Radiomobile Motociclisti Polizia Municipale, il quale conferma che un simile veicolo è un ciclomotore a tutti gli effetti.

L’inviato allora torna dallo stesso rappresentante, a Napoli, che ribadisce quanto detto in precedenza e cioè che si tratta di una eco-bike elettrica. Parla anche con l’azienda produttrice, che assicura essere una bicicletta e anzi aggiunge che il veicolo si muove solo tramite l’uso dei pedali in conformità con l’articolo 50 del codice della strada, nonostante la pubblicità dimostri l’esatto contrario.

Mentre sta parlando al telefono, un uomo si avvicina ad Abete dandogli dello speculatore e dicendogli di non essere il benvenuto a Napoli. Mentre cercano di allontanarlo, lo sconosciuto afferra una pietra per lanciarla verso l’inviato, fortunatamente senza colpire nessuno.