Tale e Quale Show, doppia gaffe di Panariello. E Carlo Conti…

di Alberto Francavilla
Pubblicato il 9 Novembre 2019 12:52 | Ultimo aggiornamento: 9 Novembre 2019 12:52
Tale e Quale Show, doppia gaffe di Giorgio Panariello. E Carlo Conti...

Tale e Quale Show, doppia gaffe di Panariello. E Carlo Conti… (foto da video)

ROMA – Giallo Giorgio Panariello durante l’ultima puntata di Tale e Quale Show. Il comico (che faceva parte della giuria) è scomparso per qualche minuto e, quando è ricomparso al suo posto, ha proposto un applauso per ricordare Fred Bongusto (morto il giorno prima). Il conduttore Carlo Conti si è avvicinato a lui chiedendo: “Ma dov’eri finora? Ovviamente lo abbiamo ricordato all’inizio”. Panariello ha risposto: “Ero a fumarmi una sigaretta”.

Senza volerlo, il comico toscano è incappato in una seconda gaffe in pochi secondi. La trasmissione era infatti dedicata alla raccolta fondi Airc per la ricerca contro il cancro. Carlo Conti se l’è cavata brillantemente con una battuta: “Hai fatto bene a dirlo, così possiamo ricordare che fumare fa male e di donare soldi per la ricerca”.

Antonio Mezzancella vince Tale e Quale show.

Antonio Mezzancella ha trionfato a “Tale e Quale Show”. Il campionissimo si è aggiudicato, oltre a una targa, 30mila euro che donerà all’associazione Airc. Si chiude così, con il nono appuntamento in diretta dagli studi televisivi “Fabrizio Frizzi” di Roma, il varietà condotto da Carlo Conti che ha decretato il vincitore del torneo dei campioni. Appuntamento ora al 22 novembre per la sfida tra le 12 eccellenze. 

Giovanni Vernia è Prince. Poi parla di razzismo.

Giovanni Vernia, uno dei concorrenti di Tale e Quale Show, per la serata finale ha scelto di imitare Prince. Il comico poi, durante la serata, ha voluto parlare di razzismo:

“Oggi ti devo spiegare che cos’è il razzismo – dice Vernia – Qualcuno pensa che alcune razze siano superiori e altre inferiori”.

“Questa è una cosa giusta – scherza – Non ti devi far infinocchiare dalla storia che gli uomini sono tutti uguali. Non è vero, perché gli uomini sono diversi. Noi non saremo mai uguali ai razzisti. Non si fanno distinzioni di razza. Stai lontano dai razzisti, perché quelli sono una brutta razza”. La battuta finale, di fronte alle risate del bambino, è: E non fare l’indiano! Va be’, dai, un giorno capirai”. (Fonte Rai – Tale e Quale Show).