TgR Lombardia, gaffe in diretta a microfoni accesi: “Cosa ca*** dici”

di redazione Blitz
Pubblicato il 11 aprile 2018 11:55 | Ultimo aggiornamento: 11 aprile 2018 11:55
Gaffe in diretta a microfoni accesi al TgR Lombardia

TgR Lombardia, gaffe in diretta a microfoni accesi: “Cosa ca*** dici”

MILANO – Gaffe in diretta al TgR della Lombardia. 

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela qui

Tutte le notizie di Ladyblitz in questa App per Android. Scaricatela qui

La giornalista ha lanciato il servizio sul Teatro alla Scala, la cui orchestra è stata proprio in questi giorni insignita a Londra del titolo di miglior orchestra al mondo, e subito dopo, mentre andava in onda il servizio, si è lasciata sfuggire un “Cosa ca*** dici” a microfoni accesi.

La gaffe non è sfuggita a Striscia la Notizia, che ha mandato in onda il video durante la puntata di martedì.

Nel filmato tratto dal telegiornale regionale si vede la giornalista che annuncia: “Ieri sera alla Scala il debutto del Don Pasquale”. Quindi parte il servizio. E di sottofondo si sente una donna gridare: “Stani… cosa ca*** dici?”. Parole ad alta voce, gridate, e chiarissime.

Del resto non è la prima e probabilmente non sarà l’ultima volta che ad un giornalista scappa qualcosa a microfoni accesi, come ricorda Caffeina, 

Di certo tutti ricorderete quella volta in cui al tg andò per errore in onda “un’erezione”. Un passante era stato fermato da un giornalista che gli stava facendo delle domande. Solo che, sul muro dell’abitazione divenuto lo sfondo dell’intervista, c’era tanto di scritta imbarazzante: “Sfruttate l’erezione mattutina”. Impossibile dimenticare quel momento epico. Di sicuro non avrà pensato lo stesso il povero giornalista che non si è reso conto di nulla, concentrato come era a fare il suo lavoro… E ancora: vi ricordate di quella volta, al TgR Umbria? Il giornalista tentava di lanciare i vari servizi ma questi non partivano. Nessuno. Problemi tecnici. Lui, grandissimo, ha mantenuto la calma e poi ha detto con ironia: “Si possono anche recitare le tabelline e le barzellette”.

Clicca qui per guardare il video.