The Crown, l’ex maggiordomo di Diana contro le inesattezze della serie tv

di Caterina Galloni
Pubblicato il 6 Dicembre 2020 11:06 | Ultimo aggiornamento: 1 Dicembre 2020 20:43
the crown, serie netflix

The Crown, l’ex maggiordomo di Diana contro le inesattezze della serie tv di Netflix. Nella foto Ansa, gli attori che interpretano Carlo e Diana

The Crown, l’ex maggiordomo di Diana Paul Burrell contro le inesattezze della serie tv di Netflix. 

Paul Burrell, 62 anni, l’ex maggiordomo della principessa Diana, interviene sulle polemiche innescate dalla serie Netflix The Crown e denuncia le inesattezze della serie tv. Burrell rivela in questo modo cosa è vero e cosa invece è falso.

Burrell che si è autodefinito “la roccia” di Diana per il sostegno nei momenti difficili, è stato al centro degli intrecci ritratti nella quarta stagione di The Crown, incluso il tempestoso matrimonio del principe Carlo con Diana e il rapporto tra la regina e Margaret Thatcher.

L’ex maggiordomo ha parlato al Sun

Al Sun ha rivelato alcune verità e chiarito alcune falsità. Il principe Carlo è stato crudele con Diana. In alcune scene si vede il principe Carlo che sembra disinteressato mentre Diana balla sul palco, indifferente nei confronti dei figli e coinvolto nella relazione con Camilla Parker-Bowles.

Nonostante le polemiche sulla “licenza artistica”, Paul sostiene che la serie dipinge un quadro accurato della loro relazione sempre più gelida. L’ex maggiordomo rivela: “Josh O’Connor interpreta il principe Carlo come una persona fredda e indifferente. E temo che sia quello che ho visto nel loro privato”.

“Carlo era sposato con la donna più bella del mondo”

Secondo l’ex maggiordomo, Carlo “era sposato con la donna più bella del mondo. Ma lui non si è preso cura di lei, e questo è ciò che emerge in The Crown”.

“Diana mi ha detto: ‘Quando mi sono sposata pensavo che mio marito sarebbe stato presente, mi avrebbe sostenuto, incoraggiato ma non è stato così’. “Alcuni dicono: ‘Beh, non è vero’. Eppure è abbastanza vicino alla verità”.

“La popolarità di Diana superò quella di Carlo” 

“Vedi una ragazza sconosciuta che cresce, la popolarità supera quella di Carlo. E il problema è stato questo”.

“La loro popolarità in Australia, ad esempio, il modo in cui lei lo ha eclissato e a lui non piaceva, è la verità”. Paul ritiene che i produttori “avrebbero potuto andare oltre”.

“Avrei girato un’altra scena con il principe Carlo che diceva a Diana mentre scendeva le scale indossando un bellissimo vestito bianco e nero indossato per piacere a lui: ‘Sembra che tu faccia parte della mafia”‘.

Alla regina madre Diana non piaceva

Alla regina madre non piace Diana. E’ vero, sostiene Burrell: “Non avevano una relazione molto stretta. L’ho sentita dire che Diana era, “una ragazza davvero sciocca, non si rende conto, gli uomini hanno delle relazioni”.

“E’ abbastanza indicativo, va accettato, lo sopporti e fine. In The Crown, al riguardo non hanno commesso errori”.

La devastante lotta di Diana alla bulimia Alcune scene inquietanti mostrano uno scorcio della bulimia di Diana, ma la battaglia della principessa contro il disturbo è stata lunga, rivela Paul.

“Ha iniziato ad ammalarsi appena prima di sposarsi. Me l’ha raccontato. Ne ha sofferto davvero per molto tempo. The Crown ne parla poco ma è stato un disturbo presente per tutta la vita. Ero con lei, l’ho aiutata. All’interno della famiglia non le hanno dato alcun supporto. The Crown fa vedere che non ha trovato un aiuto. E questo è vero“.

Soprannomi tra i Royal

La serie tv mostra che i reali tra loro si danno dei soprannomi. Paul conferma che il principe Carlo e Camilla si chiamavano Fred e Gladys. “E una volta ho sentito la principessa Anna chiamare Eeyore – asinello – il principe Carlo. 

Il soprannome naque a causa delle orecchie a sventola di Carlo. ” Ma la serie tv ha omesso il soprannome che il principe Carlo ha dato alla regina, ovvero ‘Cavolo'”.

Il rapporto tra la regina e Margaret Thatcher

L’ex maggiordomo svela un’altra inesattezza: “A Sua Maestà non piaceva il primo ministro Margaret Thatcher. E’ falso. Il rapporto tra il primo ministro Margaret Thatcher e la regina è stato molto più caldo di quello interpretato da Gillian Anderson e Olivia Colman”.

“La Thatcher aveva un enorme rispetto per la regina e il suo inchino era il più basso di tutte le donne che l’avessero mai incontrata”. Burrell racconta ancora: “I reali scherzavano tra di loro e dicevano che un giorno si inchinerà così in basso che non sarà in grado di rialzarsi”.

Poi aggiunge: “Non erano in guerra tra loro, e nessuno sa cosa dice la Regina al Primo Ministro perché quell’incontro è privato. In questo caso hanno inventato parecchio” (fonte: The Sun).