Ultimo, chi è il cantante che a Sanremo canta “I tuoi particolari”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 6 febbraio 2019 10:47 | Ultimo aggiornamento: 6 febbraio 2019 10:47
Ultimo, chi è il cantante che a Sanremo canta "I tuoi particolari"

Ultimo, chi è il cantante che a Sanremo canta “I tuoi particolari”

ROMA – Niccolò Morriconi, in arte “Ultimo”, è salito sul palco del “Festival di Sanremo” con la canzone “I tuoi particolari”. Nato a Roma, quartiere San Basilio, nel 1996, Morriconi inizia a scrivere canzoni all’età di 14 anni. Decide di farsi chiamare “Ultimo” “per far capire subito per chi scrivo”. Nel 2017 debutta con il singolo “Chiave” che anticipa il primo album “Pianeti”. Nel 2018 partecipa a “Sanremo”, categoria “Nuove proposte”, con la canzone “Il ballo delle incertezze”. Alla fine “Ultimo”, il 9 febbraio, viene proclamato vincitore della categoria “Nuove proposte” vincendo anche il premio “Lumezia” per il miglior testo. Lo stesso giorno esce il suo secondo album: “Peter Pan”.

Quest’anno a Sanremo Ultimo si è presentato con il brano “I tuoi particolari”.

“La canzone – racconta “Ultimo” – racconta i dettagli di una persona che non c’è più. E questi dettagli, piccolissimi, diventano poi la parte fondamentale della mancanza. Sanremo? E’ una emozione fortissima. L’emozione è sempre la stessa. Spero di essere all’altezza. La mia canzone non ha un destinatario preciso”.

Questo il testo della canzone “I tuoi particolari”:

È da tempo che non sento più
La tua voce al mattino che grida «bu»
E mi faceva svegliare nervoso ma
Adesso invece mi sveglio e sento che
Mi mancan tutti quei tuoi particolari
Quando dicevi a me
«Sei sempre stanco perché tu non hai orari…»
È da tempo che cucino e
Metto sempre un piatto in più per te
Sono rimasto quello chiuso in sé
Che quando piove ride per nascondere
Mi mancan tutti quei tuoi particolari
Quando dicevi a me
«Ti senti solo perché non sei come appari»
Oh, fa male dirtelo adesso
Ma non so più cosa sento
Se solamente Dio inventasse delle nuove parole potrei dirti che
Siamo soltanto bagagli
Viaggiamo in ordini sparsi
Se solamente Dio inventasse delle nuove parole potrei scrivere per te nuove canzoni d’amore e cantartele qui.
È da tempo che cammino e
Sento sempre rumori dietro me
Poi mi giro pensando che ci sei te
E mi accorgo che oltre a me non so che c’è
Che mancan tutti quei tuoi particolari
Quando dicevi a me
«Sei sempre stanco perché tu non hai orari…»
Oh, fa male dirtelo adesso
Ma non so più cosa sento
Se solamente Dio inventasse delle nuove parole potrei dirti che
Siamo soltanto bagagli
Viaggiamo in ordini sparsi
Se solamente Dio inventasse delle nuove parole potrei scrivere per te nuove canzoni d’amore e cantartele qui
Fra i miei e i tuoi particolari
Potrei cantartele qui
Se solamente Dio inventasse delle nuove parole potrei dirti che
Siamo soltanto bagagli
Viaggiamo in ordini sparsi
Se solamente Dio inventasse delle nuove parole potrei scrivere per te nuove canzoni d’amore e cantartele qui.