Un posto al sole e la Camorra, Lorenzo Crespi: “Stanno cercando di farmi uccidere”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 16 marzo 2018 15:27 | Ultimo aggiornamento: 16 marzo 2018 15:27
lorenzo crespi un posto al sole camorra

Un posto al sole e la Camorra, Lorenzo Crespi: “Stanno cercando di farmi uccidere”

ROMA – Lorenzo Crespi torna a parlare sui social del presunto legame tra la fiction Rai “Un posto al sole” e la Camorra.

Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela

In una serie di post pubblicati su Twitter, l’attore non fa alcun passo indietro ma sottolinea di non essere stato lui per primo a sollevare il velo sui rapporti tra la criminalità organizzata e la soap italiana.

“La parola Camorra nella fiction Un Posto al Sole viene dagli attori stessi, quelli che se ne escono per anni e poi ritornano. Io ne conosco tantissimi. Con qualcuno ci ho anche convissuto…Non faccio nomi e mai ne farò, tranne di fronte a un magistrato” ha scritto Lorenzo Crespi sui social, confessando di temere che gli possa succedere qualcosa di brutto.

“Io in questa storia non c’entro nulla – si difende ancora – Scusate ma è giusto che io intervenga prima che la Camorra si diverta a sparare senza alcun motivo. I nemici spesso sono in casa…”.

Infine, arriva la pesante accusa contro i giornalisti, colpevoli di aver strumentalizzato le sue parole: “E’ vergognoso come certa stampa stia manipolando la mia pagina social cercando di farmi uccidere dalla Camorra”.

Crespi, inoltre, ritiene che le sue dichiarazioni siano state travisate mettendogli contro anche Napoli, città dove è ambientata la serie televisiva, e i suoi abitanti.

“Amo Napoli e i napoletani, non azzardatevi e mettermeli contro” continua il bel Lorenzo, che pubblica anche una foto di San Gennaro, santo protettore del capoluogo campano, amatissimo dal popolo partenopeo. Che c’entra il santo famoso in tutto il mondo con questa storia? “Da giovane ero identico – spiega – E di questo sono sempre stato orgoglioso fiero e onorato”.