Urbano Cairo contro Le Iene: manca Belen Rodriguez, processo slitta

di Redazione Blitz
Pubblicato il 10 luglio 2015 16:23 | Ultimo aggiornamento: 10 luglio 2015 16:23
Urbano Cairo contro Le Iene: manca Belen Rodriguez, processo slitta

Urbano Cairo contro Le Iene: manca Belen Rodriguez, processo slitta (foto Ansa)

MILANO – Slitta alle prossime udienze l’audizione, prevista il 1o luglio, di Belen Rodriguez nel processo a carico dell’ex direttore di Italia 1, Luca Tiraboschi, dell’autore e regista delle ‘Iene’ Davide Parenti, del giornalista Filippo Roma, delle showgirl Elenoire Casalegno e Vanessa Incontrada e dei cantanti Gigi D’Alessio e Anna Tatangelo, tutti accusati di diffamazione. A querelarli la casa editrice di Urbano Cairo, per alcune puntate del programma durante le quali era stata messa in dubbio la veridicità di articoli pubblicati sui settimanali ‘Nuovo‘ e ‘Diva e Donna‘.

Scrive l’Ansa che Belen, citata come testimone da uno dei difensori, non si è presentata in aula in quanto, come ha comunicato uno dei legali, in questi giorni si trova all’estero. Verrà ascoltata quindi nelle prossime udienze, alla quarta sezione penale del Tribunale di Milano. Al centro del servizio delle ‘Iene’ alcune interviste rilasciate ai due settimanali da Elenoire Casalegno, Vanessa Incontrada, Gigi D’Alessio e Anna Tatangelo, con particolari della loro vita privata. Le due soubrette e i due cantanti, rispondendo alle domande del giornalista Filippo Roma, avevano parlato di dichiarazioni, in sostanza, inventate.

In realtà esistono le registrazioni delle loro affermazioni, conservate negli archivi dei due periodici. Oggi sono stati ascoltati due testimoni, un collaboratore di Gigi D’Alessio e Anna Tatangelo e la titolare di un’agenzia di comunicazione. Il processo è stato rinviato al prossimo 23 ottobre quando, oltre all’audizione di Belen Rodriguez, dovrebbe iniziare l’esame degli imputati.