Verissimo, Andrea Roncato e i problemi con la droga: “Nel mio mondo era…”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 16 Febbraio 2019 18:45 | Ultimo aggiornamento: 16 Febbraio 2019 19:00
Verissimo, Andrea Roncato e i problemi con la droga: "Nel mio mondo era..."

Verissimo, Andrea Roncato e i problemi con la droga: “Nel mio mondo era…”

ROMA – Intervistato da Silvia Toffanin, ospite di “Verissimo”, Andrea Roncato ha ripercorso le varie tappe della sua carriera: “Gli anni ’80 sono stati importanti, ma anche molto difficili perché ho perso i miei genitori. Io ero solo perché sono figlio unico e in due anni i miei genitori se ne sono andati e non è stato facile non condividere il dolore con nessuno. Se ne è andato prima mio padre e poi mia madre”.

“Sono riuscito – racconta ancora – a fargli vedere il primo film, i primi lavori e così li ho ripagati di tutti i magoni che avevano vissuto perché quando fai l’attore, fino a quando non hai successo, sei solo un fallito”.

Roncato ha poi parlato dei problemi che ha avuto con la droga: “Frequentavo compagnie che lo facevano, mi dicevano “ne vuoi un po’” e io dicevo sì, ma non mi piaceva non mi divertivo. Dal mio tunnel ne sono uscito facilmente, non sono mai stato preso più di tanto, perché mi faceva schifo, io sono stato fortunato perché sono sempre stato con un piede fuori e uno dentro”. Una scelta di cui oggi l’attore si pente: “Mi hanno dato anche dell’alcolista, ma io sono astemio. Mi sono pentito di aver raccontato queste esperienze, perché sono passato per una persona che ha abusato di droghe e alcol, che ha fatto una vita sregolata. Ragazzi è una cosa stupida, non fatelo”.

“Il mio matrimonio con Stefania Orlando? E’ finito – risponde –  perché non ero così affezionato a lei. Eravamo forse giovani, non avevamo un equilibrio che poteva poterci far durare. Nella vita, secondo me, siamo alla ricerca di quello che abbiamo vissuto nell’infanzia e cerchi quella famiglia d’origine che è difficile da ritrovare e con Nicole ho ritrovato quella famiglia”. Andrea confessa anche che oggi gli manca molto un figlio: “Mi pento molto di aver fatto un aborto, quando avrei potuto avere un figlio non l’ho avuto e oggi ne sono molto dispiaciuto e a tal riguardo ho scritto un libro. Oggi sono un convinto anti abortista”.