Vieni da Me, Caterina Balivo: “Quando avevo vent’anni non avevo capito che…”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 20 Dicembre 2019 19:10 | Ultimo aggiornamento: 20 Dicembre 2019 19:10
Caterina Balivo, Vieni da Me

Caterina Balivo nel salotto di Vieni da Me

ROMA – Intervistata dal settimanale Grazie, Caterina Balivo rivela: “Ora ho maggior consapevolezza del mio corpo”.

Quando aveva vent’anni, dice la Balivo nell’intervista, si riteneva al massimo simpatica (“A quell’età non avevo capito che ero bella. Pensavo fossero tutte meglio di me, non mi vedevo sensuale, semmai simpatica, schietta e con la risata sonora sempre pronta. Insomma, tutto tranne che sexy”), ma il tempo ha cambiato la sua percezione: “Ora ho maggior consapevolezza del mio corpo, sto bene nella mia pelle e ho fatto pace con i miei capelli ribelli, che sono sempre stati un cruccio. Se mi guardo allo specchio vedo una donna appagata, ma un po’ sbattuta, nel senso che do tutto agli altri e tempo per me ne resta pochino”.

Ad aiutare la sua consapevolezza il marito Guido Maria Brera, sposato nel 2014: “Mi basta sapere che per mio marito resto la donna più bella del mondo. Lui mi dice così e io voglio credergli”.

Caterina Balivo: “Meno male sono nata bella altrimenti sarei una brutta acida”

“Chi mi ha teso la mano in un momento di difficoltà? – raccontò tempo fa la Balivo – Il direttore di Chi Alfonso Signorini. Mi ha invitato nel suo programma mentre non stavo lavorando. Spero di potergli essere utile prima o poi. Se si trovasse a Roma e rimanesse in panne con l’auto vorrei che mi chiamasse, correrei”.

“Quale programma rifarei? Nel 2014, il talent show culinario Il più grande pasticciere. Per fortuna l’anno dopo sono riuscita a non condurlo più. Era un format non adatto a me. Perfino mio marito, di solito calmo e misurato, una sera scrisse un tweet ‘Se volevate Caterina, potevate comprarvi un cartonato’. Ho accettato all’epoca perché volevo tornare in prima serata. Da allora ho capito che è meglio scegliere il progetto che l’orario di programmazione”.

“Il collega giusto per me? Nessuno. Quando mi hanno proposto un partner ho sempre rifiutato, per il mio carattere è impossibile condurre con altri. Avrei dovuto fare un programma con la Gialappa’s e il Mago Forest ma non me la sono sentita. E mi dispiace». Per questa ragione l’avrebbe rimproverata anche l’allora direttrice Rai Ilaria Dallatana, che le disse: «Caterina è un handicap non saper dividere la scena”.

Fonte: settimanale Grazia.