Vieni da Me, Gabriella Farinon: “Ecco come diventai la signorina buonasera”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 Febbraio 2020 14:31 | Ultimo aggiornamento: 3 Febbraio 2020 14:31
Gabriella Farinon, Rai

Gabriella Farinon nello studio di Vieni da Me

ROMA – Ospite nel salotto di Vieni da Me c’è Gabriella Farinon, la “signorina buonasera” degli anni ’60.

“Come diventai annunciatrice? Sono stata vista da un regista – ricorda – a Piazza Navona. Era Natale. Mi fece fare un provino e poi feci una pubblicità. Feci tante pubblicità all’epoca”.

Erano felici i tuoi genitori? “Sì. Poi iniziai a fare anche del cinema”.

“Un giorno – racconta – mi chiesero se volevo fare l’annunciatrice. Il direttore generale mi chiese: ma lei farebbe l’annunciatrice? E così fui scelta”.

“Nel contratto – ricorda ancora – c’era scritto che noi rappresentavamo l’immagine della Rai”.

Eri una brava ragazza? “Certo. Tutte eravamo delle brave ragazze”.

Mike Buongiorno? “Condussi un Festival con lui. Quell’anno vinse Peppino Di Capri. Il terzo Festival invece lo condussi con Corrado. Tutti sono stati simpatici i miei compagni di lavoro ma lui amava fare gli scherzi e quindi era il più simpatico”.

Ti sei sempre vestita benissimo… “Ho sempre avuto dei grandi sarti”.

Lavoro e figli? “Le mamme che lavorano… hanno sempre questo senso di colpa. Io spesso mi sentivo in colpa e spesso loro mi facevano sentire in colpa. La cosa importante è stata dargli il buon esempio con il lavoro. Ma purtroppo questa cosa spesso non viene capita dai figli”.

Il primo matrimonio? “E’ finito molto presto. Abbiamo avuto l’annullamento del matrimonio e poi mi sono risposata… con un pugliese. Ci sposò… Susanna Agnelli che all’epoca era sindaco di Porto Santo Stefano”.

Fonte: Vieni da Me.