Vieni da me, Giorgio Lupano: “Sono nato in casa, sul tavolo della cucina”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 17 Gennaio 2020 14:19 | Ultimo aggiornamento: 17 Gennaio 2020 14:19
Vieni da me, Giorgio Lupano: "Sono nato in casa, sul tavolo della cucina"

Vieni da me, Giorgio Lupano: “Sono nato in casa, sul tavolo della cucina”

ROMA – Giorgio Lupano ospite di Caterina Balivo a Vieni da Me. L’attore della serie televisiva “Il Paradiso delle Signore” si è sottoposto ai ricordo della cassettiera. Primo oggetto estratto da Caterina Balivo è un paio di occhialoni, simbolo del personaggio interpretato da Lupano nella serie. Nel gioco si salvi chi può poi Giorgio Lupano è alle prese con alcuni personaggi del cast della soap opera. Decide di salvare Alessandro Tersini.

“Non muore nessuno”, dice l’attore quando Caterina Balivo gli chiede qualche anticipazione della serie tv. Quindi la Balivo ricorda il ballo con la signora Mirella dello scorso anno, quando l’attore era stato invitato sempre dalla Balivo.

Nel secondo cassetto ci sono poi le ciliegie. “Rappresentano la mia infanzia, tipiche del mio paese, Troffarello in Piemonte. Sono nato a casa, sul tavolo della cucina credo”, confessa Giorgio Lupano a Caterina Balivo. “In un paese così piccolo ci si conosce tutti, a maggior ragione se tua madre lavora al municipio, ufficio anagrafe”. Viene quindi mandato in onda un vecchio filmato del 1987, Il Conte di Montecristo, in cui l’attore aveva appena 17 anni.

Nel terzo cassetto ci sono dei paracalli da crossfit, “Guarda che calli che hai”, dice la Balivo a Giorgio Lupano che è anche un appassionato di palestra e che quindi li usa per preservare le mani (Fonte Vieni da Me).