Vieni da Me, Justine Mattera: “Quella volta che diedi un pugno a Randi Ingerman”

di Filippo Limoncelli
Pubblicato il 1 maggio 2019 14:12 | Ultimo aggiornamento: 1 maggio 2019 14:28
Vieni da Me, Justine Mattera

Vieni da Me, Justine Mattera

ROMA – Justine Mattera è stata ospite di Vieni da Me, oggi mercoledì 1 maggio. La showgirl è stata intervistata da Caterina Balivo che l’ha sottoposta alle famose Domande al Buio.

Tuo marito ti ha perdonato? “Sì, ma ad una condizione. Devo coprirmi di più nelle foto che posto sui social, lui è geloso. Non pensavo fosse un problema per lui ma abbiamo avuto una crisi nel nostro rapporto proprio per questo motivo. Ora provo ad affrontare i social con un occhio diverso”.

Pensi che i tuoi figli si siano vergognati di te? “Molte volte li vado a prendere a scuola vestita alla moda. Ma sono abituati. Mi figlia apprezza mentre mio figlio un po’ meno, è come il padre”.

Ti offende essere associata al cliché di bionda svampita? “Ma no, essere considerata stupida a volte ti dà un vantaggio. Poi ho due lauree, quindi…”.

Sei stata pugnalata alle spalle da una amica: “Anni fa, durante un reality, Randi Ingerman disse che non era più amica mia. Lei mi accusò di essere una ruba mariti. Mi aggredì in diretta tv, io le chiedevo di fare i nomi ma lei, ovviamente, non ne aveva e io, arrabbiata, le diedi un pugno, che però la regia tagliò. E’ finita che non le ho più parlato. Le chiesi scusa solo per averla aggredita”.

Sposare Paolo Limiti ha agevolato la tua carriera? “Lavorare con lui, essere sempre presente in tv ha aiutato la mia carriera. Molti erano dubbiosi sulla nostra storia ma io ero innamorata, ero molto giovane. Era una persona fantastica. Lui mi ha creato una carriera”.

Qual è il momento in cui hai avuto più paura? “Il caso più recente è stato quello dello stalker che ora è stato fermato. Lui mi contattò sotto falso nome, col nome di Franco Tretalance (noto attore a luci rosse, ndr). Dopo molti messaggi spinti che mi inviava iniziò a ricattarmi e minacciarmi”. (fonte RAI PLAY)