Vieni da me, Pino Strabioli inciampa e rischia di cadere per le scale

di Redazione Blitz
Pubblicato il 29 aprile 2019 17:08 | Ultimo aggiornamento: 29 aprile 2019 17:30
Pino Strabioli a Vieni da me: inciampa e rischia di cadere

Vieni da me, Pino Strabioli inciampa e rischia di cadere per le scale

ROMA – Un momento di paura a Vieni da me il 29 aprile quando l’ospite è inciampato e ha rischiato di cadere. Pino Strabioli scendendo la scala per entrare nello studio ha rischiato una brutta caduta, spaventando la conduttrice Caterina Balivo.   

Intervistato dalla Balivo, Strabioli ha commentato la presenza di suor Cristina Scuccia a Ballando con le stelle 2019: “Provo grande stima e ammirazione per Suor Cristina, con la quale ho lavorato per due stagioni, portando in scena il musical di Sister Act. Avevamo anche i camerini vicini”.

Strabioli ha parlato dello spettacolo che è pronto a debuttare in teatro e si chiama Spettatori: “Mi trovo poco interessante, non sono un personaggio da gossip o copertina”. L’unico personaggio che voleva conoscere, racconta l’attore, è Gabriella Ferri poi diventata sua grande amica: “È una donna che ci ha emozionati, una personalità straordinaria. Io non ho mai avuto la voglia di conoscere i famosi, ma volevo conoscere lei”.

Fu proprio la Ferri, spiega Strabioli, a presentargli Patty Pravo: “Me l’ha presentata Gabriella Ferri. Erano amiche e quindi andammo ad una cena insieme, così è nata la nostra amicizia. È una meravigliosa interprete. Abbiamo trascorso del tempo insieme quest’anno a Sanremo”. Poi ha parlato di Johnny Dorelli e di Franca Vlaeri: “È un patrimonio culturale, va preservata. È una vera grande intellettuale. Recentemente sono stato da lei, è ancora molto attenta all’altro e al sociale”.

Il pensiero di Strabioli va anche ad Anna Marchesini: “Un genio. È vero che era capace di renderci felici. Quando la comicità incontra l’intelligenza, allora ti senti felice e lei ci riusciva. Dalla mia finestra vedo un terrazzino in cui si sedeva da piccola. Ci manca molto la sua intelligenza”.