Vieni da Me, Riccardo Rossi: “Dai ragazzi della terza C a… Raffaella Carrà”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 16 Ottobre 2019 14:12 | Ultimo aggiornamento: 16 Ottobre 2019 14:29
Vieni da Me, Riccardo Rossi

Riccardo Rossi nello studio di Vieni da Me

ROMA – L’attore Riccardo Rossi e l’addetto stampa Enrico Lucherini sono gli ospiti di oggi, mercoledì 16 ottobre, di Vieni da Me.

“Intervisterà Enrico – racconta Riccardo Rossi presentando un’intervista che andrà in stasera – e con lui ho conosciuto tutti i retroscena del mondo dello spettacolo. Lui mi ha dato un’inquadrata pazzesca. E’ un grazie a Enrico”.

“A 18 anni – racconta Rossi parlando della sua passione per la musica – ho iniziato a lavorare in un negozio di dischi e lì ho iniziato a conoscere un mondo”.

“Poca musica italiana – continua – ma ricordo che mi piacevano le sigle della Carrà”.

Poi con la Carrà hai presentato Carramba! Che sorpresa.

I ragazzi della terza C.

“Ero un po’ laterale rispetto ai protagonisti – scherza Riccardo Rossi – ma tutti hanno avuto le loro carriere”.

Anche Enrico Lucherini parla dei suoi esordi nel mondo dello spettacolo: “Ho iniziato con Gianni Morandi. Ho inventato questo mestiere”. Sofia Loren ti ha lanciato come press agent? chiede la Balivo. “No, ho iniziato prima. Con Sofia ho fatto il mio quarto film”.

Sei famoso poi, dice la Balivo, per le tue bischerate. 

“A Cannes – racconta – dove ero andato con Sofia Loren, ruppi la porta di vetro del Palazzo del Cinema. Sofia Loren non mi parlò per una notte. Però il giorno dopo i giornali pubblicarono diversi articoli su quanto era accaduto e così facemmo pace”.

“Con Enrico – racconta Riccardo Rossi – ci conoscemmo nel 1979. Ero soltanto un ragazzino. Enrico era il direttore artistico di un locale a Roma”.

Fonte: Vieni da Me.