Vieni da Me, Rita Dalla Chiesa: “Ho saputo così della morte di papà”. E su Frizzi…

di Filippo Limoncelli
Pubblicato il 9 aprile 2019 14:08 | Ultimo aggiornamento: 9 aprile 2019 14:27
Vieni da Me, Rita Dalla Chiesa

Vieni da Me, Rita Dalla Chiesa

ROMA – Rita Dalla Chiesa è stata ospite da Caterina Balivo a Vieni da Me oggi, 9 aprile 2019, dove ha ripercorso la sua vita che ha raccontato nel libro “Mi salvo da sola”.

Si parte dalla morte del papà, il Generale Carlo Alberto, nella strage di via Carini a Palermo: “Nessuno mi aveva detto che era morto. Tutti che mi chiamavano per sapere come stessi ma nessuno mi diceva cosa era successo. Per tre ore me lo hanno tenuto nascosto. Lui mi chiamò qualche ora prima. Io avevo da poco sostenuto l’esame per diventare giornalista. Le ultime sue parole furono: “Non mi far fare brutta figura””.

Poi si passa alla storia d’amore con Fabrizio Frizzi: “L’ho conosciuto nel maggio del 1983, un anno dopo della morte di papà. Forse un segno del destino. Poi arrivò questo ragazzo che rideva sempre, più giovane di 10 anni, quest’ultima cosa mi ha creato qualche problema (ride, ndr). Io in quel periodo frequentavo gente come politici, giornalisti, eccetera, ma mi annoiavo molto, mi serviva la libertà di testa, avevo solo 34 anni. Poi è arrivato lui. Quanto ci siamo divertiti insieme. Quando ci separammo però fu difficile, avevamo sempre i paparazzi sotto casa, non potevamo uscire. E’ rimasto geloso anche dopo, controllava chi frequentavo. Uno dei miei fidanzati (di cui però non è stata rivelata l’identità, ndr), a Fabrizio non andava proprio giù”. (fonte RAI PLAY)