Vieni da me, Valerio Scanu confessa: “Volevo smettere di cantare, ero in crisi artistica”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 3 Febbraio 2020 18:16 | Ultimo aggiornamento: 3 Febbraio 2020 18:44
Valerio Scanu a Vieni da me: Volevo smettere di cantare come lavoro

Valerio Scanu si confessa a Vieni da me: “Volevo smettere di cantare” (Frame da Rai)

ROMA – Valerio Scanu ospite di Caterinba Balivo a Vieni da me confessa di aver avuto una crisi artistica e che voleva smettere di cantare “come professione”. Il cantante è tornato sul post pubblicato su Instagram pochi giorni fa dopo l’esperienza a Il cantante mascherato in Rai. “Stavo per dire basta con la musica, mi sarei voluto ritirare”, ha ammesso.

Scanu ha spiegato nel salotto di Caterina Balivo: “Ho raccontato quello che è successo ultimamente. L’anno scorso non ho fatto un concerto e non ho capito quale fosse il problema, visto che mi auto-produco ed ho sotto controllo la gestione di ciò che succede dal punto di vista manageriale. Vuoi perché c’erano degli screzi con parte del mio staff, è successo quel che è successo: stavo per dire basta, non con la musica ma mi sarei voluto ritirare. Volevo smettere di farlo come lavoro, non di farlo: io l’ho sempre fatto fin da bambino, l’avrei fatto con altre forme. Siccome l’ho sempre fatto a un certo livello, in quel momento stavo pensando di trovarmi altro da fare”.

Il cantante ha poi precisato: “Non ho una crisi economica o finanziaria. Una crisi artistica? Sì, faccio un esempio: ho sempre fatto il concerto di Natale all’Auditorium di Roma, l’anno scorso mi sono ritrovato a novembre senza aver organizzato niente per alcune situazioni non belle. A un certo punto mi son detto: ‘Devo farlo per forza, come faccio a rompere la tradizione?’. E’ andato bene, ma un conto è un concerto organizzato in un anno e un altro conto un concerto organizzato in due mesi”. (Fonte Rai)

In questo articolo parliamo anche di: