Vincenzo De Luca a Che Tempo che fa: “Affetti stabili? Io sono favorevole a tutti gli affetti”. E dà del “fratacchione” a Fazio

di redazione Blitz
Pubblicato il 4 Maggio 2020 8:31 | Ultimo aggiornamento: 4 Maggio 2020 8:31
Vincenzo De Luca a Che Tempo che fa: "Affetti stabili? Io sono favorevole a tutti gli affetti". E dà del "fratacchione" a Fazio

Vincenzo De Luca a Che Tempo che fa: “Affetti stabili? Io sono favorevole a tutti gli affetti”

ROMA  –  “Gli affetti stabili? Nel dpcm c’è qualche aspetto leopardiano, molto poetico. Io sono favorevole a tutti gli affetti. Sono convinto che anche lei Fazio, nonostante quell’immagine da fratacchione, abbia molti affetti stabili in giro per l’Italia”. A dirlo, a Che tempo che fa domenica 3 maggio, è stato il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca. 

Ospite del programma di Rai Due insieme alla collega della Regione Calabria, Jole Santelli, De Luca ha commentato la Fase 2. 

“La Campania è regione che ha la maggiore densità abitativa d’Italia e nella sua fascia costiera la maggiore densità abitativa d’Europa. E’ l’unica regione nella quale non si può sbagliare, perché significa provocare un’ecatombe. Abbiamo adottato provvedimenti più restrittivi del governo, abbiamo anticipato di due settimane i tempi di chiusura di alcuni locali perché avevamo la movida con centinaia di ragazzi uno addosso all’altro, abbiamo dovuto prendere misure rigorose che credo abbiano salvato la nostra regione. Ora la situazione è sotto controllo”, ha sottolineato De Luca. 

E Jole Santelli: “Credo che non abbiamo un approccio molto diverso io e De Luca rispetto alla Fase 2. Entrambi abbiamo chiesto e preteso – purtroppo abbiamo ottenuto poco – che le nostre regioni venissero chiuse, cioè di poter gestire la Fase 2 internamente, senza nuovi esodi. Sarebbe il terzo esodo quello che sta arrivando e che secondo me è molto più pericoloso di due tavolini al bar. Io non ho riaperto i ristoranti, li ha riaperti il Governo per consentire l’asporto. Io ritengo più pericolosa la fila per l’asporto che non il servizio all’aperto per quei ristoranti che hanno i tavoli fuori”. 

Ospiti di Fazio i due governatori hanno parlato anche dell‘obbligo di mettere la mascherina nei luoghi chiusi e sui mezzi di trasporto. Santelli ha detto di non aver messo l’obbligo perché “penso che se metto l’obbligo poi devo essere in grado di dare le mascherine gratuitamente a tutti”. 

De Luca ha ribattuto che in Campania la mascherina è obbligatoria per uscire: “Noi abbiamo distribuito gratuitamente come regione 4 milioni e mezzo di mascherine a tutte le famiglie della Campania ed entro giovedì distribuiremo gratuitamente 2 mascherine per ogni bambino nella fascia dai 4 ai 16 anni. Dunque avendole distribuite gratuitamente mi pare doveroso pretendere che siano indossate”.

Quindi, in merito a certi stereotipi, De Luca ha preso le difese dei meridionali: “Ho sentito dire cose intollerabili nei confronti dei meridionali, ma è possibile che ancora oggi qualcuno si possa permettere di dire che i meridionali sono inferiori. Poi per carità dipende da quello che decidiamo di misurare…”.

E Santelli: “Ci sono due stereotipi che questo virus ha abbattuto, il primo è che i meridionali non riescono a rispettare le regole e invece le abbiamo rispettate al massimo. Il secondo è che in fondo, con un’ordinanza anche molto discussa, la Calabria chiedeva solo di lavorare…”. (Che Tempo che fa)