YOUTUBE Striscia la Notizia, Luca Abete aggredito a Secondigliano (Napoli)

di redazione Blitz
Pubblicato il 16 gennaio 2018 8:49 | Ultimo aggiornamento: 16 gennaio 2018 8:49
luca-abete-striscia

Luca Abete (Foto Facebook)

NAPOLI – Nuova aggressione ai danni di un inviato di Striscia la Notizia in Campania. Dopo Vittorio Brumotti, aggredito al Parco Verde di Caivano, questa volta la vittima è Luca Abete.

L’inviato del programma di Antonio Ricci stava girando un servizio su una nota pescheria di Secondigliano in cui sarebbe avvenuta la vendita dei datteri di mare, vietata per legge dal 1990.

Abete stava parlando con il pescivendolo della pescheria e con altri venditori ambulanti, cercando di spiegare loro che la necessità di spaccare la pietra con picconi e martelli per prendere i datteri fa sì che questa pratica sia distruttiva per l’ecosistema marino.

Ma mentre il gruppo discuteva, davanti alle telecamere di Striscia, Abete è stato interrotto da alcune persone che prima lo hanno invitato ad andarsene e ad indagare sui politici, poi lo hanno minacciato, insultato e spinto. Poco dopo, però, gli altri che erano lì sono intervenuti a difendere l’inviato di Striscia la Notizia.

La scena è stata ripresa da alcuni degli spettatori. Uno di loro, Francesco Bruner, ha postato su Facebook questo video che riprendiamo da La Voce di Napoli. 

Su Facebook lo stesso Luca Abete ha raccontato quando accaduto:

“Aggrediti a SECONDIGLIANO!!!
Giornata da dimenticare: da salvare c’è solo la bontà della causa che portiamo avanti ormai da anni e ľaiuto delle persone che ci hanno salvato dal linciaggio…
Vedrete tutto nei prossimi giorni a Striscia!
Intanto BUONA DOMENICA a tutti e GRAZIE per il sostegno incessante che ci conforta nei momenti difficili e ci dona energia nel continuare la nostra azione!”.