Agriturismo: Puglia costosa, Trentino economico. Classifica per regione

Pubblicato il 27 Gennaio 2012 7:00 | Ultimo aggiornamento: 26 Gennaio 2012 20:13

Lapresse

In Italia gli agriturismi sono più cari in media del 25% rispetto alle analoghe strutture di Francia e Spagna. Lo scrive Casa24 del Sole 24 Ore riportando i dati di Toprural.it, portale che ha elaborato i prezzi di 4.500 agriturismi italiani e di 46 mila in tutta Europa. Una notte in un casolare di campagna (o montagna) nello Stivale in alta stagione vi costerà in media 37,20 euro a persona, contro i 27,80 che paghereste in Spagna e i 27,60 euro che vi verrebbero chiesti in Francia.

Non a caso poi le regioni italiane dove è più conveniente soggiornare in un agriturismo sono quelle di confine, vicine ai più concorrenziali prezzi delle altre nazioni: Trentino Alto Adige (27 euro in media); Liguria (33,60 euro); Piemonte (34,30 euro). Mentre le regioni più care si confermano Puglia (44,50 euro) e Toscana (44,40). Subito dietro c’è, in forte “rimonta”, la Sicilia, dove si spendono in media 42,10 euro a persona.

Questa la graduatoria completa:
Puglia 44,50
Toscana 44,40
Sicilia 42,10
Umbria 41,10
Lombardia 38,70
Basilicata 38,30
Lazio 38,10
Emilia Romagna 37,40
Veneto 37,40
Sardegna 36,30
Campania 36,20
Calabria 35,50
Abruzzo 34,70
Marche 34,70
Piemonte 34,30
Liguria 33,60
Trentino Alto Adige 27,00

Una graduatoria in cui la Puglia, dopo un aumento medio dei prezzi del 2%, ha scavalcato la Toscana, che ha subito un rincaro solo dello 0,5% nelle tariffe. Mentre la Sicilia è rincarata molto: +4,5%. Fra le regioni che hanno aumentato di più i prezzi c’è anche l’Abruzzo. Invece il Trentino ha ribassato del 4,6% in un anno e la Sardegna è passata dai 39,90 medi del 2010 ai 36,30 del 2012.

Fra le mete più richieste sul sito di Toprural, stando ai dati di Google Analytics, una è pugliese, una piemontese, una sarda e due toscane. Si tratta, in ordine di classifica, della masseria settecentesca Country House Cefalicchio a Canosa di Puglia (67,50 euro a persona); della baita Barba Gust di Cesana Torinese (50 euro); della ex stalla Ca’ la Somara ad Arzachena; del podere Segarelli di Montecerboli, nel Pisano (33,60 euro); dell’edificio rurale d’epoca Valle Cupa a Pian di Morrano, in provincia di Grosseto.