In bici nel padovano, lungo il Frassine

Pubblicato il 12 Novembre 2010 2:00 | Ultimo aggiornamento: 11 Novembre 2010 18:01

Una ”biciclettata” di una ventina di chilometri, da affrontare tutta d’un fiato, da Este a Montagnana, percorrendo l’argine del fiume Frassine. E’ un percorso ideale per gli amanti delle due ruote e della natura quello che si puo’ affrontare, nella Bassa Padovana, ai margini meridionali dei Colli Euganei, in aree lontane da strade trafficate, capannoni industriali e zone residenziali. Un tragitto che propone interessanti aspetti naturalistici e paesaggistici della campagna veneta e che si presta, soprattutto nel tratto centrale, anche per il jogging e le passeggiate a piedi.

Con qualche ora in piu’ a disposizione il breve viaggio in bicicletta puo’ essere preceduto dalla visita di Este, che i libri storici indicano abitata da tempi antichissimi, fin dall’eta’ del ferro. Tra i monumenti spicca il Duomo di Santa Tecla, nell’omonima piazza, che al suo interno vanta una ricca dotazione artistica: una pala di Giambattista Tiepolo, una pala d’altare dello Zanchi e l’altare-scultura del sacramento del Corradini.

Sempre ad Este immancabile la visita al Castello Carrarese, costruito attorno al 1339 sulle ceneri di quello estense. Una volta iniziata l’escursione in bici dal centro di Este, belle case e ville storiche si possono ammirare nei primi chilometri. Poi una volta superato il vecchio ponticello sul Bisatto, si attraversa l’antica porta su via Augustea, da cui si raggiunge la campagna lungo l’argine. L’arrivo a Montagnana e’ preceduto, un paio di chilometri prima, dall’approdo a Borgo Frassine, dove e’ necessario imboccare la provinciale. A Montagnana uno dei gioielli artistici riguarda una grande opera di Andrea Palladio, Villa Pisani, realizzata per la famiglia omonima e il cui progetto, risalente al 1552, e’ pubblicato nei ”Quattro Libri” dell’architetto.