“Gitando”, un Veneto a misura disabile

Pubblicato il 26 Marzo 2011 6:26 | Ultimo aggiornamento: 25 Marzo 2011 19:55

VENEZIA – ”Gitando”, il salone nazionale del campeggio, del turismo e delle vacanze in Fiera di Vicenza fino al 27 marzo, quest’anno dedica un ampio spazio ai temi della disabilita’. L’iniziativa rientra nell’articolato progetto che la Regione del Veneto sta portando avanti per rendere il territorio veneto, nelle sue varie realta’, accessibile alle persone diversamente abili. Dalle spiagge alle montagne, dal lago alle terme, si sta creando una coscienza comune: le strutture devono essere attrezzate per poter ospitare anche visitatori con handicap nella consapevolezza che la vacanza deve essere a dimensione di tutti.

Ecco allora che ”Gitando.All”, il Salone delle vacanze accessibili, diventa il punto di riferimento di un nuovo modo di concepire il turismo che risponde alle differenti esigenze. L’assessore regionale al turismo Marino Finozzi ha firmato lo scorso luglio con il vicepresidente della Commissione europea Antonio Tajani – entrambi sono attesi alla rassegna fieristica di Vicenza – un protocollo per fare in modo che il Veneto sia la Regione pilota per la sperimentazione delle politiche europee nel settore del turismo accessibile. Il Ministero del Turismo ha elaborato un ”manifesto” con l’obiettivo di sensibilizzare sulla responsabilita’ d’impresa le aziende del settore. E la Regione Veneto vuole essere in prima linea, promuovendo oltre che l’accessibilita’ anche una riflessione sulle opportunita’ di lavoro per i disabili nel comparto turistico.

A ”Gitando.All” verranno cosi’ lanciate, nel corso di convegni e incontri, varie iniziative che puntano a coinvolgere i responsabili delle risorse umane nell’inserimento di disabili nel mondo del lavoro. Alla manifestazione di Vicenza, proprio per la sua ”mission” sul turismo accessibile, e’ stato concesso il Premio di Rappresentanza dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano con il quale, al pari di altre forme di adesione, viene manifestato il consenso del Capo dello Stato alle finalita’ perseguite da iniziative ritenute particolarmente meritevoli.