Rise, Uber dei voli: viaggi in jet privato come in taxi, paghi un fisso al mese

di redazione Blitz
Pubblicato il 15 giugno 2015 20:44 | Ultimo aggiornamento: 15 giugno 2015 20:45
Rise, Uber dei voli: viaggi in jet privato come in taxi, paghi un fisso al mese

Rise, Uber dei voli: viaggi in jet privato come in taxi, paghi un fisso al mese

ROMA – Si chiama Rise e oltreoceano l’hanno già ribattezzata la Uber dei cieli: è un’app per prenotare passaggi sui jet privati, dedicata a chi vuole evitare “l’autentico incubo” dei voli, sia low cost che di linea, ma al contempo non ha le tasche per ricorrere ogni volta al costosissimo noleggio di un jet. Lanciata negli Stati Uniti con la tratta Dallas-Austin in Texas presto aprirà anche in Europa con i primi voli da Londra a Dublino.

Come funziona? Rise unisce la comodità di un servizio taxi come quello già sperimentato da Uber, con l’esclusività di un volo in executive jet. E c’è pure un auto blu comprensiva di autista che vi deposita dal terminal fino alla scaletta dell’aereo. Il tutto tramite abbonamento mensile che varia a seconda del numero di voli che si intende effettuare: si va dalle 1000 alle 1700 sterline che tradotto in euro fanno 1380-2350.

Non proprio un prezzo stracciato ma comunque più economico rispetto al noleggio di un jet tradizionale. La differenza sta nel fatto che i voli Rise partono ad orari prestabiliti e si condivide il viaggio con gli altri abbonati. Si può prenotare fino a 5 minuti prima della partenza. Nick Kennedy, ad di Rise, è consapevole di aver a che fare con un mercato di nicchia: la sua app, spiega, è pensata per chi viaggia con frequenza per lavoro, dal piccolo imprenditore al manager della City.

5 x 1000