TURISMO: IN SPIAGGIA CON FIDO, PRONTA ORDINANZA MINISTERO

Pubblicato il 14 luglio 2010 3:15 | Ultimo aggiornamento: 13 luglio 2010 14:17

Ogni comune costiero dovra’ individuare un tratto di spiaggia libera ‘animal friendly’ destinata ad accogliere cani e padroni, purche’ i primi siano iscritti all’anagrafe canina e i secondi provvedano a controllare gli animali e a eliminare i loro bisogni. E’ quanto prevede l’ordinanza-tipo messa a punto dal ‘Comitato per la creazione di un’Italia animal friendly’ istituito presso il ministero del Turismo e presieduto dal ministro Michela Vittoria Brambilla con l’obiettivo di garantire a tutti i proprietari di animali da compagnia di portare in spiaggia i propri amici a quattro zampe.

L’ordinanza – predisposta in collaborazione con il presidente dell’Anci Sergio Chiamparino e con il sindaco di Cagliari Emilio Floris, delegato al turismo – sara’ inviata dall’Associazione dei comuni italiani agli oltre 600 sindaci di comuni costieri italiani in modo che vi sia un unico sistema di norme. Nel testo si prevede, appunto, che i comuni individuino un tratto di spiaggia libera destinata ad accogliere gli animali ”regolarmente iscritti all’anagrafe canina” e vengono posti una serie di obblighi a carico dei proprietari degli animali: dall’eliminazione delle deiezioni al controllo e alla conduzione degli animali, che potranno fare il bagno nello specchio di mare antistante la spiaggia.

”Un’Italia che rappresenta davvero una punta di eccellenza sia sotto il profilo culturale che per la sua offerta turistica – spiega il ministro Brambilla – non puo’ prevedere divieti e limitazioni alla circolazione degli animali, soprattutto nelle aree piu’ frequentate del territorio”. Con l’ordinanza dunque, ”che proporremmo di emanare a tutti i comuni interessati entro il mese di luglio – prosegue Brambilla – si vuole contribuire alla creazione di una nuova coscienza di amore e rispetto per i nostri piccoli amici e contrastare l’odioso fenomeno dell’abbandono estivo”. Secondo il ministro, inoltre, i provvedimenti daranno anche un ”impulso all’industria turistica locale, aumentando l’appeal delle localita’ costiere italiane nei confronti dei visitatori nazionali e internazionali”.

I comuni che per primi recepiranno l’ordinanza, conclude il ministro, verranno premiati dal Ministero del Turismo in quanto ‘Comuni a 5 stelle’, ”un riconoscimento che varra’ il loro inserimento in un nuovo prodotto turistico italiano di eccellenza, per avere contribuito ad un cambiamento culturale necessario ed avere adeguato la qualita’ della loro offerta ad un piu’ alto contenuto di servizio”.