Volo low cost Europa-Usa: 200 euro andata e ritorno dal 2016

di Redazione Blitz
Pubblicato il 14 Ottobre 2015 9:02 | Ultimo aggiornamento: 14 Ottobre 2015 9:02
Volo low cost Europa-Usa: 200 euro andata e ritorno dal 2016

Volo low cost Europa-Usa: 200 euro andata e ritorno dal 2016

ROMA – Volare dall’Europa agli Stati Uniti pagando solo 200 euro andata e ritorno. Questa la sfida lanciata da Norwegian Air e a cui ora si preparano anche EasyJet, Ryanair e Lufhtansa. L’obiettivo delle compagnie è di offrire voli low cost e nuove rotte a partire dal 2016.

Leonard Berberi sul Corriere della Sera scrive che le compagnie low cost puntano ai piccoli e medi hub e che per chi vuole andare a New York con le nuove tratte l‘aeroporto di Westchester County potrebbe diventare noto:

“Perché nei prossimi mesi il «Westchester County Airport» — a 53 chilometri dalla Quinta Strada, la via dello shopping della «Grande Mela» — diventerà noto a noi europei come lo sono diventati, negli ultimi anni, Charleroi (Bruxelles)e Billund (Danimarca), Stansted (Londra) e Beauvais (Parigi). Piccoli e medi hub, non vicinissimi alle grandi città, ma d’interesse per le compagnie low cost e per noi visto che ci fanno andare ovunque nel Vecchio Continente con pochi euro.

Dopo dichiarazioni spesso strampalate e progetti lunghi diversi anni stavolta l’obiettivo è più vicino: volare con 200-300 euro (andata e ritorno) dall’Europa agli Usa è già nero su bianco per diverse compagnie. Grazie ai costi bassi offerti dagli scali americani lontani dalle metropoli, come appunto il «Westchester County Airport». Ma anche al prezzo ai minimi storici del carburante (seconda voce di spesa per i vettori, dopo il personale) e con il contributo di una nuova generazione di aerei in grado di percorrere lunghe distanze consumando meno. Come gli Airbus 330 o i Boeing 737 Max”.

Le compagnie low cost quindi puntano sugli hub periferici: per arrivare a San Francisco si atterrerà a Oakland, 32 chilometri di distanza. Per visitare Boston invece a Providence, 93 chilometri più in là. E le compagnie uniranno le forze:

“Perché uno dei modi per tenere i prezzi giù è quello dei voli interlinea: si viaggia con una low cost dal punto A (il proprio scalo) al punto B (in genere in Irlanda, Norvegia o Islanda). Si prosegue con un altro vettore fino al punto C, che si trova negli Usa. Eurowings — il braccio «senza fronzoli» di Lufthansa — sta guardando a una possibile collaborazione con easyJet. Norwegian Air — terza low cost in Europa — è più avanti: grazie al suo centinaio di Boeing 737 Max da maggio intende volare da Cork (Irlanda) a New York e Boston. Per poi estendere le destinazioni nel 2017. Costo? «Tra poco più di un anno si volerà a partire da 60 euro a tratta», calcola l’amministratore delegato norvegese Bjørn Kjos. Ma anche altre compagnie guardano all’asse Europa-Usa/Canada, come Condor Airlines, Air Berlin, Air Transat, Air Canada Rouge, Westjet. Ryanair non sta a guardare: sono settimane che cerca di studiare un modo per inserirsi in un mercato che — secondo gli analisti — è il nuovo fronte di guadagno visto che ormai i cieli del Vecchio Continente sono saturi. L’azienda irlandese starebbe puntando a dividersi il viaggio. Un esempio? Dall’Italia a Londra si vola con Ryanair. Da Londra a New York con un’altra compagnia”.

Come tutti i low cost, il confort sarà a pagamento:

“spazio per le gambe non enorme, voci aggiuntive che si pagano (come l’intrattenimento a bordo o la connessione Wi-Fi). E, come al solito, particolare attenzione al bagaglio: se è troppo grande bisognerà imbarcarlo in stiva. Con un costo ulteriore che supererà i 100-150 euro per tratta. L’unico «difetto», per gli italiani, è che dovranno comunque fare scalo per volare a poco prezzo in America del Nord. Almeno nel 2016-2017”.