Beirut, il sorriso della sposa poco prima del tremendo boato VIDEO

di redazione Blitz
Pubblicato il 6 Agosto 2020 16:20 | Ultimo aggiornamento: 6 Agosto 2020 16:21
sposa beirut esplosione

Beirut, il sorriso della sposa poco prima del tremendo boato

Beirut, il sorriso della sposa prima del tremendo boato.

Beirut, Mahmoud Nakib è un fotografo e un videomaker.

Si occupa anche di eventi privati e di matrimoni. Nel giorno dell’esplosione a Beirut, Mahmoud stava lavorando con una sposa.

Lei appare in abito da sposa e sorridente davanti all’obbiettivo.

La ragazza mostra il suo abito: in quel momento avviene l’esplosione che scaraventa tutti a terra.

A causa del tremendo scoppio avvenuto nel porto della capitale libanese, le immagini della ragazza passano in un attimo dalla gioia alla paura. 

Beirut, l’esplosione dalla sala parto. Il piccolo George nasce sano e salvo

E sempre nella giornata di oggi è stato diffuso un altro drammatico video che mostra l’esplosione di Beirut dall’interno di un ospedale.

A postarlo su Instagram è Long Live Lebanon: le  immagini sono state filmate da un papà all’interno del St. George University Hospital di Beirut. 

Mentre l’uomo accompagna con la telecamera la barella della moglie in sala parto, il violento scoppio travolge anche l’ospedale che dista solo un paio di km dal porto. 

 

Le finestre sono divelte dall’onda d’urto, la telecamera si abbassa e inquadra le suppellettili e i macchinari distrutti. Seguiranno drammatici istanti, forse ore, mentre tra le macerie i sanitari si danno da fare per aiutare la mamma a dare alla luce il suo bambino. 

Non ci sono immagini che testimoniano il seguito. Sappiamo però che il piccolo George è nato sano e salvo, grazie alle successive immagini pubblicate nella Storia. 

In una si vede il bimbo adagiato su una culla mentre una infermiera gli auscolta il cuoricino. “George e la sua famiglia sono sopravvissuti”, si legge nella didascalia.

“Papà e mamma ora stanno riposando. Hanno pregato e ringraziato i dottori e gli infermieri, come Marie, che sono stati calmi e hanno aiutato il loro bambino quando tutti gli strumenti erano stati distrutti”.

Un video che pur nella sua estrema drammaticità testimonia il commovente miracolo della vita (fonte: Il Messaggero, Agenzia Vista /Alexander Jakhnagiev).