Coronavirus, Bellanova: “Inaccettabile spot francese su pizza, è concorrenza sleale” VIDEO

di Lorenzo Briotti
Pubblicato il 4 Marzo 2020 12:03 | Ultimo aggiornamento: 4 Marzo 2020 12:05
bellanova su spot pizza francia

Coronavirus, Bellanova: “Inaccettabile spot francese su pizza, è concorrenza sleale”

ROMA – Lo spot francese sulla pizza “è indecente, assolutamente indecente, le scuse arrivate dall’ambasciata e dalla tv francesi sono assolutamente doverose”.

Lo ha detto la ministra delle Politiche Agricole Teresa Bellanova a margine della presentazione del piano per il made in Italy alla Farnesina. “Noi continueremo ad avere grande attenzione rispetto a queste tematiche, perché” azioni del genere “non possono essere utilizzate, in una fase così delicata per la salute dei cittadini, per mettere in atto concorrenza sleale, perché di questo si tratta”. La ministra ha sottolineato che “i prodotti italiani non solo sono buoni, ma anche altamente certificati”. Ed ha aggiunto: “C’è qualcuno che pensa in questo momento di approfittare per coprire spazi di mercato e per sostituire i prodotti del made in Italy, l’originale con la contraffazione, e noi questo non lo possiamo e non lo dobbiamo permettere”.

Coronavirus, Bellanova: “Bce assista le nostre banche”. 

Teresa Bellanova ha parlato anche di banche sempre in queste ore: “L’Italia rischia di rimanere stretta in una morsa. Non si può pensare e agire solo in una logica emergenziale, bisogna rispondere all’oggi e mettere a dimora il dopo. Per questo con Italia Viva parliamo di anno sabbatico dei mutui, dei finanziamenti, dei debiti, con i costi per le banche coperti dalla Bce. Bisogna assolutamente rilanciare gli investimenti”. 

La ministra delle Politiche agricole ha parlato in un’intervista ad Avvenire. Sullo sforamento del deficit di 3,6 miliardi allo studio del Mef, “lo sforamento non è in sé la soluzione. Bisogna essere capaci di una spesa produttiva e di una strategia di medio periodo”, dice Bellanova. “Ci confronteremo nel merito. Perché le risorse, molte o poche che siano, dovranno avere obiettivi fortemente mirati. La logica dei pannicelli caldi non paga”.

Nell’intervista Bellanova assicura che non c’è “nessun conto in sospeso tra Renzi e Conte. Se i problemi del Paese non nascono certo con l’emergenza coronavirus, a maggior ragione adesso è richiesto a tutti un sovrappiù di sobrietà e capacità di ascolto”, osserva. “Non c’è spazio per funzioni esercitate prioritariamente per soddisfare ambizioni di consenso o di parte. Invito a mettere all’ordine del giorno la qualità. Dei rapporti nella maggioranza, dell’azione di governo e della filiera decisionale”

Fonte: Ansa, Agenzia Vista /Alexander Jakhnagiev