Coronavirus, Iss: “Curva decresce in tutte le regioni compresa la Lombardia. Segnale incoraggiante” VIDEO

di redazione Blitz
Pubblicato il 8 Maggio 2020 13:46 | Ultimo aggiornamento: 8 Maggio 2020 13:48
italia coronavirus

Coronavirus, Iss: “Curva decresce in tutte le regioni compresa la Lombardia. Segnale incoraggiante”

ROMA La curva dell’epidemia di nuovo coronavirus “va decrescendo, è un segnale che prosegue” e “stiamo andando verso un numero più basso in tutte le regioni”. A dirlo è il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità Silvio Brusaferro, nella conferenza stampa organizzata dall’istituto.

Stiamo andando verso un numero di casi molto basso un po’ in tutte le regioni, inclusa la Lombardia, prosegue Brusaferro che però aggiunge: le immagini di folla a Milano fanno preoccupare: “Economia e salute non sono in contrasto. Bisogna aumentare i controlli sanitari proprio per favorire le riaperture. Invito assolutamente a rispettare le norme di distanziamento sociale e l’uso di mascherine”. 

Secondo l’Iss, la fase 2 è molto delicata. E’ importante che il Paese riparta, ma il virus non ha cambiato né identità né caratteristiche, perciò violare le regole di comportamento per la prevenzione del contagio potrebbe facilitare la circolazione.

Brusaferro nella conferenza stampa organizzata dall’istituto ha risposto a una domanda sulla possibilità di riaprire il campionato di calcio. A decidere in merito, ha aggiunto, è il Comitato tecnico Scientifico, che su questo tema sta lavorando. 

Nello stato epidemiologico attuale è però difficile immaginare di poter riempire gli stadi.

Brusaferro ha poi concluso spiegando che solo nella prossima settimana sarà possibile avere i dati relativi all’andamento dei casi nei primi giorni dalla riapertura che dal 4 maggio hanno segnato l’inizio della Fase 2 (fonte: Ansa, Agenzia Vista /Alexander Jakhnagiev):