Coronavirus, Zaia: “In Veneto dicono che facciamo troppi tamponi? Me ne strafrego” VIDEO

di redazione Blitz
Pubblicato il 17 Marzo 2020 11:54 | Ultimo aggiornamento: 17 Marzo 2020 11:58
zaia su tamponi in veneto

Coronavirus, Zaia: “In Veneto dicono che facciamo troppi tamponi? Me ne strafrego”

ROMA – Come annunciato dal presidente Luca Zaia, il Veneto prevede di eseguire tamponi per tutti, da prendere al semaforo come al supermercato. D’altronde il presidente del Veneto lo aveva detto anche nella giornata di ieri in conferenza stampa: “Dicono che facciamo troppi tamponi? Ce ne strafreghiamo” (il video dell’Agenzia Vista in fondo all’articolo).

Zaia ha spiegato il concetto in un’intervista al Corriere della Sera: “Tamponi a tappeto. Il tema è questo. Per carità, nessuna polemica con l’autorità centrale e nessuna rivendicazione di autonomia, non ora almeno”.

Il governatore fa presente che per motivi del genere, ossia di salute, il bilancio conta poco. Zaia è convinto che i tamponi “siano utili” e che sia giusto continuare a farli perché “ogni sanità è un modello, e una storia a sé. Un abito sartoriale per la propria comunità”. Poi dice: “Se trovo un solo positivo, significa che avrò 10 contagiati in meno”. A pagare, osserva Zaia, sarà “la Regione. Del bilancio mi importa poco, vale sempre meno della vita dei miei concittadini. Non mi faccia dire che me ne frego dei soldi, ma insomma ci siamo capiti. Tutto a spese nostre”.

Il governatore cita il modello dell’esperimento di Vo’ Euganeo: “Quando ho deciso il doppio tampone per tutti a distanza di due settimane, apriti cielo. Mi hanno detto di tutto ma è stato fondamentale”. E precisa: “Su tremila tamponi, abbiamo trovato un cluster di 66 positivi più altri diciotto che non erano del Paese ma avevano avuto contatti con persone infette. Quasi tutti asintomatici. Dopo la quarantena, ne abbiamo fatto un altro. E siamo rimasti con solo sei positivi”.

Fonte: Ansa, Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev