Deputato Fratelli d’Italia a Draghi: “Di Maio è alla sua destra”. Fico lo corregge: “Sta a sinistra” VIDEO

di Lorenzo Briotti
Pubblicato il 18 Febbraio 2021 14:33 | Ultimo aggiornamento: 18 Febbraio 2021 14:34

Governo Draghi, mentre è in discussione alla Camera la discussione generale sulle linee programmatiche del Governo Draghi, il deputato di Fratelli d’Italia Andrea Delmastro Delle Vedove si rivolge al premier e gli dice di parlare a Di Maio.

Deputato Fratelli d’Italia a Draghi: “Lo ha alla sua destra Di Maio”

Delmastro Delle Vedove confonde la sinistra con la destra e rivolgendosi a Draghi dice:  “Lo ha alla sua destra Di Maio”. Il presidente della Camera Roberto Fico lo corregge: “Sinistra”. 
Draghi, dopo aver ricevuto la fiducia al Senato, nel pomeriggio dovrebbe ottenere la fiducia anche alla Camera.

Meloni: “Fdi non si piega all’idea della democrazia dimezzata”

Fratelli d’Italia, come noto non ha aderito alla nuova maggioranza.

La leader Giorgia Meloni ha inviato una  lettera a Repubblica spiegando le motivazioni: 

“Non si tratta né di essere pro o contro Draghi – personalità certamente rispettabile – e nemmeno di essere pro o contro l’Europa, sulla cui costruzione futura è legittimo avere opinioni differenti” scrive la Meloni.

“Si tratta, più semplicemente, di non rassegnarsi all’idea che quella italiana sia una democrazia dimezzata”.

Democrazia “nella quale il voto dei cittadini conta sempre meno e quando il gioco si fa duro arriva qualcuno calato dall’alto per provare a fare ciò che chi viene scelto dal popolo non saprebbe certamente fare”. 

“A questo racconto – dice ancora la Melini – che fa dell’Italia una Nazione arretrata e non un’avanguardia come si vuole raccontare, Fratelli d’Italia non si piegherà mai”.

La leader di FdI spiega che è “incomprensibile la tesi secondo la quale la scelta di Fratelli d’Italia di garantire una opposizione sarebbe irresponsabile e contraria all’interesse della Nazione”.

“È semmai il contrario, atteso che senza opposizione non può esistere democrazia”.

“In molti hanno fatto dell’europeismo lo spartiacque su cui il nuovo governo è nato” osserva.

“Ma in realtà si sarebbe dovuto parlare dell’adesione di una certa visione di Europa”.

“Lo stesso Draghi, nel suo intervento programmatico, ha ben chiarito la sua prospettiva” spiega la Meloni

Si tratta di “una sempre maggiore cessione di sovranità dagli Stati nazionali all’Unione europea. Ecco, noi abbiamo una visione diversa e non per questo siamo nemici dell’Europa” (video Agenzia Vista/Alexander Jakhnagiev).