Matteo Salvini al seggio: “Non legherò esito a livello nazionale” VIDEO

di Redazione Blitz
Pubblicato il 21 Settembre 2020 17:35 | Ultimo aggiornamento: 21 Settembre 2020 17:36
Matteo Salvini, video Vista

Matteo Salvini al seggio: “Non legherò esito a livello nazionale” VIDEO

Matteo Salvini al seggio: “Non legherò esito a livello nazionale” VIDEO.

Matteo Salvini al seggio. Ecco le sue parole.

Anche il leader della Lega e senatore, Matteo Salvini, ha votato per il referendum costituzionale sul taglio dei parlamentari.

Salvini è arrivato verso mezzogiorno e mezzo al seggio della scuola media di via Martinetti a Milano, nella zona ovest della città.

“C’è un referendum a cui per coerenza ho confermato il si che avevo dato più volte in Parlamento”, ha commentato Salvini al termine del voto rispondendo alle domande dei giornalisti.

“Da domani – le parole di Salvini – sono di nuovo in ufficio a prescindere dal risultato elettorale. Non è un dato che userò a livello nazionale.

Si eleggono mille sindaci, sette governatori”.

“Sono due belle giornate, ho buone sensazioni – ha concluso -.

È una bella giornata come ieri di partecipazione, di vita, di democrazia e poi come sempre decidono i cittadini”.

E ancora:

“Sono sette Regioni che vanno al voto, partiamo da cinque Regioni a due per il centrosinistra e sono fiducioso che questa sera ci saranno più governatori e più consiglieri della Lega e del centrodestra rispetto settimana scorsa”.

Capitolo Milano.

“Entro l’autunno sarà giusto partire. Noi partiamo a prescindere”, dal responso di Giuseppe Sala.

“Proporremo a Milano e ai milanesi, così come a Roma, un’idea di città e di futuro diverse da quelle di Sala e della Raggi.

A prescindere dal fatto che si ricandidino loro – ha aggiunto a margine del voto per il referendum costituzionale-. Non scelgo in base a quello che fanno gli altri.

Ho incontrato parecchi imprenditori e manager senza tessera di partito in tasca, culturalmente vicini alla Lega e al centrodestra”. (Fonti: Ansa, Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev).