Pontida, il coro dei giovani leghisti: “Di Maio torna al San Paolo” VIDEO

di redazione Blitz
Pubblicato il 16 Settembre 2019 13:26 | Ultimo aggiornamento: 16 Settembre 2019 13:34
salvini pontida giovani leghisti

Salvini parla ai giovani leghisti

ROMA – Nella festa leghista di Pontida, la giornata del sabato è tradizionalmente dedicata ai giovani leghisti, quelli che una volta si chiamavano i giovani padani. Il clima è festoso e il segretario Matteo Salvini viene accolto con un’ovazione. Il leader parla e spiega che se il partito resta unico “gli facciamo un mazzo così”.

Il riferimento è ovviamente al Governo, al Pd e M5s: la platea  ha risposto alle sollecitazioni con diversi cori tipo “elezioni, elezioni”, “libertà, libertà”, “chi non salta comunista è” fino a “torna al San Paolo”, coro diretto a Di Maio che allude al passato da steward dello stadio napoletano del leader M5s.

Salvini invita ironicamente a portare rispetto per il ministro degli Esteri, poi se la prende con alcuni tra gli esponenti Pd più in vista e cita come già fatto diverse volte in passato Enrico Berlinguer: “Renzi, Franceschini, la Boschi, Zingaretti, per dignità non possono usare la parola comunisti. Perché i comunisti di una volta erano persone serie. Berlinguer si rivolterebbe nella tomba vedendo questi cialtroni che parlano di sinistra e tradiscono i valori. Sono traditori e poltronisti“.

Video: Agenzia Vista /Alexander Jakhnagiev, Il Fatto Quotidiano