Siracusa, spot sui social per promuovere lo spaccio: 27 arresti VIDEO

di redazione Blitz
Pubblicato il 3 Settembre 2020 11:24 | Ultimo aggiornamento: 3 Settembre 2020 11:35
spaccio droga siracusa

Siracusa, spot sui social per promuovere lo spaccio: 27 arresti

Siracusa, 27 persone arrestate per droga ed estorsione. Gli indagati promuovevano la loro attività con dei video  sui social.

Spaccio di droga a Siracusa. Polizia e i Carabinieri hanno arrestato 27 persone (25 in carcere, 2 ai domiciliari), con l’accusa di associazione a delinquere di stampo mafioso dedita a traffico di stupefacenti ed estorsione.

Video promozionali per promuovere le piazza di spaccio

Per promuovere la “piazza di spaccio” venivano realizzati dei veri e propri video promozionali sui social network. Nei video si vantano degli alti guadagni della loro attività.

Inoltre, in caso di arresto, si potevano rimpiazzare i pusher in poco tempo.

L’inchiesta denominata “Demetra”, ha scoperto l’esistenza di due gruppi criminali che dal 2016 al 2019 avrebbero gestito due piazze a Siracusa.

Un gruppo operava in via Italia, l’altro in via Immordini.

Non solo spaccio di droga a Siracusa. Anche estorsione agli ambulanti

Ad indagare è stata la Procura distrettuale di Catania.

Alcuni fra gli indagati erano in possesso di armi detenute illegalmente.

Gli inquirenti hanno accertato un‘attività estorsiva con l’utilizzo del metodo mafioso.

A compierla gli appartenenti al sodalizio della “Via Italia” ai danni dei venditori ambulanti.

L’estorsione avveniva ogni mercoledì mattina per la fiera settimanale che si svolge su piazza San Metodio di Siracusa. 

I pusher, a causa del mercato, non lavoravano. Secondo gli inquirenti, l’estorsione era quindi a titolo risarcitorio (fonte: Ansa, Agenzia Vista /Alexander Jakhnagiev).