Venezia, allagata la storica libreria Acqua Alta: “Non ci arrendiamo” VIDEO

di redazione Blitz
Pubblicato il 18 Novembre 2019 16:43 | Ultimo aggiornamento: 18 Novembre 2019 16:49
libreria acqua alta venezia

La libreria Acqua Alta di Venezia

VENEZIA – “Speriamo che sia l’ultima mareggiata della stagione. Ormai quello che si poteva danneggiare è stato danneggiato e ora pensiamo all’asciugatura.” Queste le parole dei proprietari della storica libreria Acqua Alta a Venezia ad Agenzia Vista. 

In città l’acqua non ha risparmiato nulla, nemmeno i volumi della famosa libreria nota in tutto il mondo perché da sempre, per mettere al riparo i suoi volumi dalle maree, utilizza gondole, barche e vasche.

Questa volta nemmeno questi oggetti comunissimi a Venezia hanno potuto nulla contro i 187 cm di acqua che hanno invaso la città. I proprietari spiegano che una mareggiata del genere non se l’aspettavano. I danni sono ingenti: ad andare perduti sono tantissimi libri nuovi andati. Bagnati anche quelli più vecchi e di meno valore.

Nonostante il dolore e il caos dei giorni scorsi, la libreria è sempre rimasta aperta dando così ai tanti turisti amanti della lettura la possibilità di entrare. D’altronde si tratta di un posto storico inserito dalla Bbc tra le 10 librerie più belle del mondo. “Il nostro nome è una sfida a questo fenomeno. Stavolta abbiamo perso la battaglia, ma non la guerra” conclude Diana in un’intervista a Repubblica rilasciata il 14 novembre in piena emergenza dovuta alla marea eccezionale che ha colpito la città. 

Fonte: Agenzia Vista /Alexander Jakhnagiev, Repubblica