Vieri e Toni scherzano: “Eravamo storti ma quanti gol…”

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 23 Aprile 2020 15:12 | Ultimo aggiornamento: 23 Aprile 2020 15:12
Vieri e Toni scherzano: "Eravamo storti ma quanti gol..."

Vieri e Toni scherzano: “Eravamo storti ma quanti gol…” (foto Ansa)

MILANO – Vieri e Toni, due bomber che messi insieme hanno segnato quasi 600 gol in carriera, sono stati protagonisti di una diretta social scoppiettante.

I due attaccanti hanno parlato di svariati argomenti ma si sono soffermati sul capitolo Nazionale. 

“Eravamo ‘storti’, ci mangiavamo qualche gol ma ne segnavamo anche molti. 

Una volta non potevi arrivare in Nazionale se non avevi segnato almeno venti gol (e le partite in stagione erano decisamente di meno…).

Adesso se togliamo Ciro Immobile, che sta facendo un grandissimo campionato, non troviamo un attaccante italiano che abbia segnato più di quindici gol. 

Questo è un bel problema per il ct della Nazionale Italiana di Calcio Roberto Mancini. 

Prima la Nazionale aveva i migliori attaccanti del mondo. 

Era veramente difficile guadagnarsi una convocazione come attaccante della Nazionale Italiana di Calcio. 

Adesso segnano soprattutto gli stranieri, è da tanto che non vengono fuori attaccanti italiani come una volta…”.

Poi Vieri e Toni hanno scherzato sul titolo di capocannoniere vinto da Luca Toni a 38 anni quando vestiva la maglia dell’Hellas Verona.

“Bobo dici che è tanta roba vincere un titolo da capocannoniere a 38 anni con 22 gol all’attivo? Se l’ho vinto io, evidentemente gli altri erano davvero scarsi…”.

In realtà Toni è stato davvero un mega bomber visto che ha vinto la classifica marcatori di Serie A (due volte), Serie B, Bundesliga e Coppa Uefa (fonte Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev).