Governo, Zingaretti: “Serve discontinuità di squadra e contenuti. Ascoltiamoci a vicenda”

di redazione Blitz
Pubblicato il 26 Agosto 2019 12:16 | Ultimo aggiornamento: 26 Agosto 2019 12:16
Governo, Zingaretti: "Serve discontinuità di squadra e contenuti. Ascoltiamoci a vicenda"

Il segretario Pd Nicola Zingaretti incontra i giornalisti fuori dal Nazareno (Foto Ansa)

ROMA – “Serve discontinuità sia sulla squadra, che sui contenuti. Ci si ascolti a vicenda”. Lo ha detto il segretario del Partito Democratico Nicola Zingaretti nel corso delle interlocuzioni con il Movimento 5 Stelle per la possibile formazione di un governo giallo-rosso.

Una girandola di incontri tra i big 5 Stelle è prevista nelle prossime ore in vista di un possibile vertice tra i capigruppo del Movimento e quelli del Pd o di un eventuale nuovo faccia a faccia tra Luigi Di Maio e Nicola Zingaretti. Gli esponenti dei vertici del Movimento, a cominciare da Di Maio, sono di rientro a Roma dopo il weekend e, nella Capitale, potrebbero arrivare anche Davide Casaleggio e Beppe Grillo.

Nessuna riunione, al momento, è confermata da fonti ufficiali ma secondo alcuni rumors Grillo potrebbe vedere i big del Movimento nel pomeriggio. Intanto tra i Cinque Stelle non sono passati inosservati diversi commenti che ieri, su Fb, i militanti Pd hanno rilasciato nel corso della diretta del punto stampa di Zingaretti: commenti, molti dei quali, si sottolinea in ambienti M5s, a favore di un governo giallo-rosso che abbia Giuseppe Conte premier. Linea, questa, sostenuta finora senza alcuna deroga da Di Maio nella trattativa.

“Sono e rimango convinto che serva un governo per questo paese, un governo di svolta”, ha detto il leader Pd incontrando i giornalisti assiepati dinanzi alla porta del Nazareno.

“Voglio difendere l’Italia dai rischi che corre, che vuol dire anche difendere le idee, la dignità i valori e la forza del Pd. Bisogna ascoltarsi a vicenda, le ragioni degli uni e degli altri e mi auguro che nelle prossime ore ci sia la possibilità di farlo, finora non era avvenuto”, ha aggiunto.

“Non ci servono due programmi paralleli – conclude – Sto lavorando per una soluzione seria, all’altezza dell’Italia, di forze non contrapposte che si incontrano e trovano delle soluzioni”.

Fonte video: Agenzia Vista / Alexander Jakhnagiev