Ascensore rotto in un ospedale di Napoli, paziente costretto a strisciare sulle scale fino al quarto piano VIDEO

di redazione Blitz
Pubblicato il 29 Luglio 2020 16:20 | Ultimo aggiornamento: 29 Luglio 2020 16:20
piee rotto, ospedale a Napoli

Ascensore rotto in un ospedale di Napoli, paziente costretto a strisciare sulle scale fino al quarto piano

Ascensore rotto in ospedale, un paziente con una gamba ingessata  costretto a salire al quarto piano strisciando.

Ascensore rotto in un ospedale di Napoli. Il video è stato registrato nella giornata di ieri, martedì 28 luglio, è apparso ppi su Facebook ed è stato ripreso dai quotidiani locali.

L’uomo, stando alle immagini, si è trascinato per le scale fino al quarto piano in cui si trova l’ambulatorio ortopedico con un piede ingessato.

Ad accompagnarlo la moglie che ha ripreso la scena con il telefonino, e il figlio.

L’Asl di competenza ha fatto sapere di aver svolto già un’indagine interna ed ha precisato:

“C’erano percorsi alternativi, il paziente non ha chiesto informazioni. Le guardia giurate hanno aiutato il paziente a scendere con un altro ascensore”.

Ospedale riparato di nuovo guasto dopo due ore

Sempre dalla Asl fanno sapere che la Direzione dell’Ospedale, informata del guasto, aveva allertato la ditta che si occupa della manutenzione. 

Dopo circa due ore dall’intervento l’ascensore è però tornato in avaria.

La Ditta che è nuovamente intervenuta prontamente ha ritenuto necessaria la sostituzione dei pattini di scorrimento.

“Nell’ospedale erano stati stati predisposti percorsi alternativi, conosciuti a tutti comprese le guardie giurate – fanno sapere dalla Asl – per cui risulta inverosimile che un paziente con difficoltà di deambulazione non abbia chiesto informazioni o aiuto per raggiungere l’ambulatorio di pertinenza”.

“L’ascensore è tornato in funzione nella stessa giornata mentre il personale ha provveduto a indicare ai pazienti il percorso alternativo, con un altro ascensore che arriva al quarto piano, dove ci sono gli ambulatori”, concludono dall’Asl (fonte: Ansa, Askanews).