Albania, scontri Parlamento: lanciano farina, acqua e televisore contro il premier VIDEO

di Redazione Blitz
Pubblicato il 13 aprile 2018 12:17 | Ultimo aggiornamento: 13 aprile 2018 12:17
Scontri Parlamento Albania: farina, acqua e tv contro premier

Albania, scontri Parlamento: lanciano farina, acqua e televisore contro il premier VIDEO

ROMA – Scontri in Parlamento in Albania, con l’opposizione che ha lanciato contro il premier acqua, farina, uova e anche un televisore da 40 pollici.
Tutte le notizie di Blitzquotidiano in questa App per Android. Scaricatela qui

Tutte le notizie di Ladyblitz in questa App per Android. Scaricatela qui

Nuove tensioni nel parlamento albanese, dove l’opposizione composta dal Partito democratico, del centro destra, guidato da Lulzim Basha e dal Movimento socialista per l’integrazione, formazione del centro sinistra, ha bloccato il podio, mentre alcuni dei suoi deputati hanno lanciato sacchetti di farina e bottiglie d’acqua verso il premier di centro sinistra Edi Rama.

E’ stato Basha che al termine del suo intervento ha chiesto l’espulsione di Rama per aver usato, nella seduta della scorsa settimana “parole offensive contro i cittadini albanesi. Se il premier non viene punito, non ci sarà una normale seduta”, ha annunciato Basha, mentre anche gli altri deputati si sono riuniti attorno a lui bloccando il podio.

La seduta è stata interrotta più volte, dopo che in direzione di Rama sono stati buttati, prima sacchetti di farina, poi bottiglie d’acqua. Rama ha mantenuto la calma, mentre a suo fianco, il ministro degli Esteri è stato tradito dai nervi, ed ha buttato acqua verso i deputati dell’opposizione. I

l presidente del parlamento Gramoz Ruci è andato avanti e la maggioranza ha approvato in fretta e senza dibattiti due accordi, previsti nell’ordine del giorno. Gli incidenti di oggi, avvengono a seguito della strategia dell’opposizione di contestare il governo di Rama.

La scorsa settimana sono state bloccate per oltre due ore le principali strade nazionali, mentre due giorni fa, al suo appello alla disobbedienza civile, migliaia di negozi in tutto il paese, sono stati chiusi oggi per 60 minuti, in segno di protesta contro l’entrata in vigore dallo scorso primo aprile, della decisione per il coinvolgimento nel sistema dell’Iva di tutte le attività con un fatturato annuo superiore ai 2 milioni di lek (15.5 mila euro).

(Video da YouTube)