Omicidio Bacio Terracino a Napoli e video choc: preso il mandante dell’esecuzione

Pubblicato il 21 Aprile 2011 15:04 | Ultimo aggiornamento: 21 Aprile 2011 19:12

NAPOLI – Il presunto mandante dell’omicidio di Mariano Bacio Terracino, il cinquantatrenne ucciso nel quartiere Sanita’ l’11 maggio del 2009, ritratto in un video-choc che fece il giro del mondo, è stato fermato nel corso di un’operazione congiunta condotta da polizia e carabinieri di Napoli. Si tratta di Antonio Moccia, di 47 anni, accusato di associazione a delinquere di stampo camorristico.

Secondo quanto scrive l’Ansa l’uomo sarebbe anche il mandante di un altro agguato durante il quale trovarono la morte altre due persone. L’ordine di fermo a Moccia, ritenuto la figura più di spicco dell’omonimo clan attivo ad Afragola, è stato firmato dal procuratore aggiunto Alessandro Pennasilico e dai sostituti Sergio Amato, Marco Del Gaudio, Alfonso D’Avino, Enrica Parascandalo e Ida Teresi.

Tra gli elementi di accusa ci sono in particolare le dichiarazioni di due collaboratori di giustizia, Biagio Esposito, l’ex uomo di fiducia del boss Paolo Di Lauro – il cui racconto dell’agguato è in verbali depositati in unn processo in corte d’Assise a Napoli dove è imputato – e Salvatore Lo Russo; i due hanno raccontato che l’ordine di uccidere Bacio Terracino venne da Antonio Moccia che voleva vendicarsi per l’omicidio del padre Gennaro, avvenuto nel 1975. Terracino, infatti, avrebbe fatto parte del commando che assassinò Moccia senior, anche se allora, al termine del processo, venne assolto. Nel corso degli anni, tutti gli altri sette uomini del presunto commando sono stati uccisi in diversi agguati. Terracino era l’ultimo della mattanza e il suo sicario, Costanzo Apice, 28 anni, che compare anche nel video, era stato arrestato a dicembre.