Banksy, giornalista ritrova video dell’intervista del 2003: “Non ricordo il suo aspetto”

di Veronica Nicosia
Pubblicato il 5 luglio 2019 16:36 | Ultimo aggiornamento: 5 luglio 2019 16:37
Banksy, giornalista lo intervistò nel 2003 ma ha dimenticato la faccia

Banksy, giornalista ritrova video dell’intervista del 2003: “Non ricordo il suo aspetto”

ROMA – E se l’identità di Banksy non fosse più un mistero? Un giornalista riguardando delle vecchie interviste del 2003 ha scoperto nel suo archivio video una intervista proprio al popolare writer. “Ricordo di averci parlato e aver visto il suo visto, ma no ricordo che aspetto abbia”, ha rivelato Haig Gordon, il reporter autore del video trovato negli archivi di ITV West Country.

Da anni ormai l’identità dell’artista e writer è in mistero, tanto da aver attirato diverse quanto affascinanti ipotesi. Tra le identità accreditate a Banksy,  c’è anche quella di Thom Yorke, cantante dei Radiohead. Il video ritrovato nell’archivio è stato girato dal reporter Gordon e risale al 2003, dove un giovanissimo Banksy spiegava: “Non puoi davvero essere un writer e poi diventare pubblico: le due cose non vanno d’accordo”. 

Insomma la scelta dell’anonimato risale già ad allora, quando Banksy fu intervistato a Dalston, nella noza nord est di Londra, prima della mostra “Banksy’s Turf War “. Nel video l’artista indossa una cappellino da baseball e tira su la maglietta fino a coprire la parte inferiore del viso, per non farsi riconoscere. 

5 x 1000

Il giornalista ha commentato: “E’ strano, qualsiasi sua apparizione ha grande valore, ho avuto una visione completa di lui, e l’ho completamente sperperato. Ho buttato via tutto dimenticandomene”. Gordon infatti lo ricorda come un ragazzo alla mano, simpatico e rilassato, ma soprattutto ricorda di averci parlato a viso scoperto: “Ho visto la sua faccia. L’unico problema è che non riesco a ricordare come fosse”.

Anche per questa volta l’anonimato di Banksy è salvo e l’alone di mistero che avvolge la vita e l’identità del writer resiste. Dimenticare un volto, quando ancora era una semplice ragazzo che si avviava alla carriera, può capitare, ma di certo se si fosse trattato di un personaggio famoso il giornalista lo avrebbe riconosciuto. Viene da chiedersi se Gordon stia difendendo l’anonimato del writer o se realmente ne abbia dimenticato le sembianze. (Fonte ITV News)