Birdy, il simulatore di volo che permette di immedesimarsi in un uccello VIDEO

di Redazione Blitz
Pubblicato il 4 Febbraio 2015 14:02 | Ultimo aggiornamento: 4 Febbraio 2015 14:02
Birdy, il simulatore di volo che permette di immedesimarsi in un uccello

Birdy, il simulatore di volo che permette di immedesimarsi in un uccello

ZURIGO – A differenza di altri software che permettono di simulare voli a bordo in un caccia Birdy, il simulatore di volo di Max Rheiner, docente di Interaction Design dell’Università d’Arte di Zurigo, permette di immedesimarsi in un uccello. È stato presentato al Sundance Film Festival e le reazioni sono state molto positive. Birdy permette di spiccare il volo. Marco Consoli su La Stampa racconta di cosa si tratta:

“Quando si parla di simulatore di volo ogni appassionato di tecnologia non può fare a meno di pensare a Flight Simulator o a tutti quei programmi e videogame nati su Pc per simulare l’esperienza di pilotare un aereo, in maniera simile a quanto avviene con i più professionali e costosi macchinari per l’addestramento dei veri piloti. Ma l’idea di simulatore di volo di Max Rheiner, docente di Interaction Design dell’Università d’Arte di Zurigo, e dei suoi studenti è leggermente diversa: Birdly , presentato al Sundance Film Festival, è il primo simulatore che permette di immedesimarsi nel corpo e nelle ali di un Nibbio reale e spiccare letteralmente il volo. In onore del motto del pioniere dell’aviazione tedesca Otto Lilienthal, riportato nella pagina web del progetto, secondo cui “intentare un aeroplano è una cosa, costruirlo è molto di più, ma volare è tutto”. “Tutti sognano di volare”, ha dichiarato Rheiner “ma per provare l’illusione è necessario essere coinvolti non solo a livello visivo ma anche corporeo”. Perciò col suo team ha costruito una piattaforma mobile a forma di volatile su cui l’utente si adagia, come un novello Icaro, e dopo avere indossato il visore di realtà virtuale Oculus Rift è in grado di trasformarsi in uccello: la simulazione digitale che vede alternarsi panorami naturalistici a quello di metropoli come San Francisco è perfettamente collegata al movimento della piattaforma, in cui distesi a faccia in giù basta agitare le braccia per dare dei colpi d’ala e contrastare così le correnti d’aria che sono state ricreate per rendere il volo più realistico. Come se non bastasse l’immersione visiva, corporea e uditiva (si sente solo il brusio dell’aria e il movimento delle ali del volatile), Rheiner e i suoi studenti hanno anche attaccato alla postazione un ventilatore che spara sulla faccia dell’uomo-uccello folate più o meno violente a seconda del vento simulato dal computer, e un diffusore di essenze che cambiano in accordo al paesaggio che si sta sorvolando. Concepito come installazione ideata per girare fiere, festival ed eventi, Birdly dà un’idea delle potenzialità legate allo sviluppo prossimo della realtà virtuale, che il casco di Oculus e tutti gli altri visori prossimamente in arrivo sul mercato ormai permettono a basso costo. Una rivoluzione che lascia spazio alla fantasia di ingegneri, designer, artisti, creatori di mondi virtuali che renderanno possibile fare ciò che fino a ieri pareva impossibile”.