La polizia sfonda la vetrata di un bar a Bussoleno. E’ caccia ai No Tav

Pubblicato il 1 Marzo 2012 9:39 | Ultimo aggiornamento: 1 Marzo 2012 12:18

BUSSOLENO – Il video che documenta l’intervento delle forze dell’ordine in un bar di Bussoleno avvenuto la sera del 29 febbraio, circola sul web provocando le proteste e le polemiche dei No Tav e di alcuni personaggi politici che simpatizzano con il movimento, fra i quali Ezio Locatelli, segretario provinciale di Rifondazione comunista.

Nel filmato si vedono gli agenti, alla ricerca degli attivisti che avevano bloccato lo svincolo dell’autostrada del Frejus e avevano resistito allo sgombero, che arrivano davanti alla porta del locale; trovandola chiusa e non ottenendo risposta dall’interno, rompono la vetrata della porta ed entrano.

Un poliziotto tenta di rassicurare i proprietari, visibilmente spaventati, mentre i colleghi bloccano i No Tav che si erano rifugiati nel locale; un’attivista viene colta da un malore e, nei siti, si spiega che è incinta.

Ecco il video pubblicato su YouTube da un testimone: