CasaPound diventa CasaBene? Carmelo Bene avrebbe risposto così…

di Antonio Sansonetti
Pubblicato il 24 gennaio 2012 21:04 | Ultimo aggiornamento: 24 gennaio 2012 21:05
Carmelo Bene

Carmelo Bene (Girella - Lapresse)

ROMA – Cosa avrebbe detto Carmelo Bene della decisione del centro sociale di ispirazione fascista CasaPound di chiamarsi CasaBene per un giorno? Il cambio di nome è stata una mossa provocatoria dopo la scelta della figlia di Ezra Pound, Mary de Rachewiltz, di portare in tribunale Gianluca Iannone e i suoi per l’utilizzo improprio del nome del poeta americano.

La provocazione ha ottenuto l’effetto mediatico sperato, l’adesione via telegramma della sorella dell’attore salentino, Maria Luisa Bene, e la protesta dell’ultima compagna, Lucia Viglietti. Carmelo Bene potrebbe aggiungersi a Che Guevara, Rino Gaetano, Peppino Impastato, Bobby Sands in un elenco che documenta l’attitudine onnivora di CasaPound: quella di intestarsi battaglie, canzoni e biografie di persone che in vita nulla hanno avuto a che vedere con la destra e tantomeno col fascismo, neo o post o cripto che sia.

Però in questo caso c’è un video che ci aiuta a capire quale sarebbe stata la replica di Carmelo Bene. La risposta è tutta in un estratto del Maurizio Costanzo Show, puntata “Solo contro tutti”, anno 1995. Lo storico Giordano Bruno Guerri chiese a Bene: “Lei è fascista?”. Il maestro rispose con una pernacchia.