Corea del Nord, Kim Jong-un inaugura “la città ideale del socialismo” VIDEO

di redazione Blitz
Pubblicato il 3 Dicembre 2019 16:04 | Ultimo aggiornamento: 3 Dicembre 2019 16:04
corea del nord citta ideale socialismo

Corea del Nord, la città ideale del socialismo

ROMA – Il leader nordcoreano Kim Jong-un ha inaugurato una città nuova interamente costruita sotto ad uno dei simboli nazionali della Corea del nord, il Monte Paekdu. 

Il luogo è sacro per tutti i nordcoreani e viene menzionato nell’inno Nazionale: in questo luogo è infatti nato il padre di Kim, Kim Jong-il. Il leader nordcoreano ha quindi voluto esserci alla cerimonia di taglio del nastro per inaugurare “la città ideale per la gente”. Il nome è Samjiyon e secondo le intenzioni del regime sarebbe una “città moderna montuosa sotto il socialismo” contenente alloggi per 4mila famiglie, un ospedale, strutture culturali e un impianto di sci. A renderlo noto è l’agenzia Kcna.

Lunedì 2 dicembre si è svolta una imponente celebrazione con fuochi d’artificio. Nei video e foto diffusi dai canali ufficiali della Nord Corea, si vede Kim che sorride mentre taglia un nastro. La città è una delle maggiori iniziative economiche di Kim che si sta impegnando molto per portare il Paese asiatico isolatissimo ed aiutato economicamente praticamente dalla sola Cina, verso “un’economia autosufficiente”.

La sua costruzione è stata ritardata principalmente a causa della carenza di materiali da costruzione e manodopera in seguito alle sanzioni imposte per frenare il programma nucleare di Pyongyang, scrive Repubblica.

Per sopperire ai ritardi, sempre Repubblica racconta che il regime ha iumpegato le brigate del lavoro giovanile giudicate da molti osservatori come una vera e propria”schiavitù“. Chi viene impiegato in queste brigate non riceve infatti salario, ha del cibo scadente ed è inoltre costretto a lavorare più di 12 ore al giorno.

Fonte: YouTube, Repubblica