Corea del Nord, terzo test nucleare: la terra trema per un terremoto

Pubblicato il 12 Febbraio 2013 8:54 | Ultimo aggiornamento: 12 Febbraio 2013 9:26
Corea del Nord, terzo test nucleare: la terra trema per un terremoto

Corea del Nord, terzo test nucleare: la terra trema per un terremoto

ROMA – Una inusuale scossa sismica aveva preannunciato quanto stava accadendo in Corea del Nord intorno alle 4 di notte, ora italiana. Pyongyang ha subito confermato: un test nucleare sotterraneo è stato portato a termine con ”pieno successo”, usando cariche ‘miniaturizzate’ ad alto potenziale.  La Corea del Nord ha confermato il test spiegando di aver utilizzato un dispositivo miniaturizzato con forza esplosiva maggiore se confrontata agli esperimenti del 2006 e del 2009. ”E’ stato confermato – si legge nel dispaccio dell’agenzia Kcna – che il test nucleare è stato effettuato a livello elevato in un modo sicuro e perfetto con una carica miniaturizzata e di maggiore forza esplosiva rispetto al passato senza causare un impatto negativo sul circostante ambiente ecologico”.

L’attività sismica registrata nel Paese ha prodotto un terremoto di magnitudo 4.9, secondo il Servizio geologico degli Stati Uniti (Usgs). La scossa è stata registrata alla 11:57 ora locale (le 3:57 in Italia) con epicentro in un’area compatibile con quella di Punggye-ri, il sito dei test nucleari nel nordest del Paese, ed ipocentro a 1 km di profondità. Per la Japan Meteorological Agency (Jma), la scossa ”è da considerare diversa da quella di un sisma vero e proprio”, cosa che ha fatto immediatamente pensare a nuovi test.

Subito è arrivata la condanna del segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon: ”Si tratta – si legge in una nota del suo portavoce – di una chiara e grave violazione delle risoluzioni adottate dal Consiglio di sicurezza” che infatti terrà martedì una riunione d’urgenza alle ore 23 di New York.

Secondo il presidente americano Barack Obama il test nucleare effettuato dalla Corea del Nord è  “altamente provocatorio”, mina “la stabilità regionale” e viola gli obblighi di Pyongyang nei confronti di molte risoluzioni dell’Onu.

Anche Mosca si unisce: “Condanniamo tale azione della Corea del nord e la definiamo come una violazione delle relative risoluzioni del Consiglio di sicurezza dell’Onu”, ha detto una fonte del ministero degli esteri russo citata dall’agenzia Interfax.