Coronavirus, dalla birra con gli amici al forno crematorio. Lo spot sui contagi tra i giovani VIDEO

di redazione Blitz
Pubblicato il 7 Agosto 2020 10:35 | Ultimo aggiornamento: 7 Agosto 2020 10:47
spot spagna coronavirus

Coronavirus, dalla birra con gli amici al forno crematorio. Lo spot sui contagi tra i giovani

Coronavirus, dalla birra con gli amici al forno crematorio. Lo spot sui contagi tra i giovani.

Si tratta di una sequenza di situazioni in cui ci sono dei giovani e che sono abbinate ad una temperatura. Giovani non spesso attenti all’uso delle mascherine e alle distanze di sicurezza contro il coronavirus. Il finale è decisamente tragico, con un forno crematorio.

Il video arriva dalla Spagna, realizzato dalla Comunidad de Madrid. Si parte con l’appartamento a 32 gradi, la birra con gli amici a 30 gradi, ragazzi che ballano in discoteca senza rispettare le distanze.

Qui la temperatura è di 28 gradi. Poi le immagini mostrano una corsia di un ospedale che misura 25 gradi, fino al reparto di terapia intensiva che di gradi ne ha 22.

L’ultima immagine è quella di un forno crematorio che misura 980 gradi. 

Il messaggio finale è netto ed efficace: anche se fa caldo bisogna proteggersi con la mascherina. Ci sono cose che scaldano più di una mascherina come appunto il forno crematorio. “Proteggiti, proteggiamoci” c’è scritto alla fine dello spot.

Coronavirus in Spagna

La Spagna continua a registrare numeri molto alti sul fronte del coronavirus.

Giovedì 6 agosto i nuovi casi sono 1.683, secondo quanto riporta El Pais.

Le comunità più colpite sono Aragón (329), Paesi Baschi (322) e Madrid (310). La cifra complessiva è comunque in calo rispetto ai 1.772 registrati mercoledì 5.

Il governo della regione spagnola settentrionale di Castilla y León ha imposto alla città di Aranda de Duero e ai suoi 32mila residenti un lockdown di due settimane dopo che sono stati rilevati 230 casi di coronavirus nell’area.

Lo riporta il Guardian.

Da oggi si potrà entrare e uscire dalla città solo per appuntamenti medici, per motivi di lavoro o per accudire persone in stato di necessità.

La decisione arriva meno di una settimana dopo che due piccole città nella stessa regione, Öscar e Pedrajas de San Esteban, sono state anch’esse riportate in isolamento a seguito di focolai di Covid.

La Spagna ha registrato 33.965 nuovi casi di virus nelle ultime due settimane, 1.772 dei quali tra martedì e mercoledì. Ad oggi, il Paese ha registrato 305.767 casi e 28.499 morti (fonte: Ansa, Corriere della Sera, Il Fatto Quotidiano).