Craig Cobb, il razzista Usa che scopre di essere “nero” al 14% (video)

di Redazione Blitz
Pubblicato il 12 Novembre 2013 16:55 | Ultimo aggiornamento: 12 Novembre 2013 17:46
Craig Cobb, il razzista Usa che scopre di essere "nero" al 14%. (video)

Craig Cobb, il razzista Usa che scopre di essere “nero” al 14%. (video)

ROMA – Per anni ha teorizzato la supremazia della razza bianca. Poi ha fatto il test del Dna e ha scoperto di avere il 14% di sangue nero. Nerissimo anzi: subsahariano per la precisione. E’ quanto successo a Craig Cobb, fanatico “suprematista” della razza bianca, un signore che voleva trasformare il villaggio di Leigh nel North Dakota, nella città della purezza della razza bianca.

Nemesi ha deciso che semmai una follia come Leigh bianca dovesse vedere la luce neanche il suo fondatore potrà viverci. Perché per andare in tv al Trisha Goddard show, Cobb ha accettato di sottoporsi a un test del Dna. E ne è uscito “nero” al 14%. Inevitabile il sarcasmo della Goddard (che è di colore) e che ha dato del “fratello” a Cobb e ha cercato di farsi dare il “cinque”. Cobb non si è scomposto salvo poi definire una “farsa” sia il test sia lo show.

Il caso ricorda in qualche modo quello di Csanad Szegedi, leader di una forza neonazista ungherese che ha scoperto di avere antenati ebrei. Diversa, però, la reazione: messo davanti alla beffa del destino Szegedi si è pentito ha chiesto scusa ed è sostanzialmente uscito dalla vita pubblica. Cobb, invece, ad avere il sangue africano non ci sta. Ha definito la trasmissione “sensazionalistica” e il test a cui è stato sottoposto “una farsa”.