Decreto Sicurezza, ok con la fiducia. Ma nel 2015 Paola Taverna la definiva “strumento dittatoriale” VIDEO

di Redazione Blitz
Pubblicato il 8 novembre 2018 8:49 | Ultimo aggiornamento: 8 novembre 2018 8:52
Decreto Sicurezza, ok con la fiducia. Ma nel 2015 Paola Taverna la definiva "strumento dittatoriale" VIDEO

Decreto Sicurezza, ok con la fiducia. Ma nel 2015 Paola Taverna la definiva “strumento dittatoriale” VIDEO

ROMA – Il Decreto Sicurezza viene votato con la fiducia e in molti sul Web si ricordano quando nel 2015 Paola Taverna (Movimento 5 Stelle), si scagliava proprio contro il ricorso alla fiducia parlando di “dittatura”.

DIl Senato ha concesso la fiducia al governo approvando il decreto sicurezza. A fronte di 288 senatori presenti, i votanti sono stati 241. I sì sono stati 163, i no 59, gli astenuti 19. Sono otto i voti che sono mancati alla maggioranza nell’appello nominale per la fiducia al Senato sul decreto sicurezza, rispetto all’unico precedente in questa legislatura: il voto del 5 giugno per l’insediamento del governo Conte. Il capogruppo M5S Stefano Patuanelli ha annunciato, poco dopo l’esito del voto, di aver segnalato il caso ai probiviri del movimento “che hanno avviato un’istruttoria”. A quanto apprende dai vertici pentastellati, i senatori Gregorio De Falco, Paola Nugnes, Elena Fattori, Matteo Mantero e Virginia La Mura – sui quali è stata avviata un’istruttoria dai probiviri del Movimento- rischierebbero di fatto il ‘cartellino rosso’ con l’espulsione dal 5stelle. 

Ecco il video ripubblicato in queste ore con lo sfogo del 2015 Paola Taverna contro il ricorso alla fiducia: