Doodle per Johann Sebastian Bach: puoi comporre musica con l’intelligenza artificiale

di Veronica Nicosia
Pubblicato il 22 marzo 2019 12:13 | Ultimo aggiornamento: 22 marzo 2019 12:13
Doodle celebra Bach: intelligenza artificiale per fare musica

Doodle per Johann Sebastian Bach: puoi comporre musica con l’intelligenza artificiale

di Veronica Nicosia

ROMA – Un doodle speciale quello scelto da Google per celebrare Johann Sebastian Bach. Gli utenti infatti potranno scegliere le note e divertirsi a comporre una melodia personalizzata che viene armonizzata nello stile del genio tedesco grazie a una intelligenza artificiale (IA).

Un’idea rivoluzionaria per celebrare i 334 anni della nascita del musicista e compositore barocco, nato il 31 marzo 1685, che ha scritto centinaia di composizioni tra cantate, concerti, suite e corali.

Un artista innovativo per i suoi tempi, che ha richiesto altrettanta innovazione al team di Google. Il risultato è un doodle, il primo, creato grazie all’intelligenza artificiale, nato dalla collaborazione tra i team Magenta e PAIR di Google. In Magenta sono specializzati ad aiutare le persone a fare musica e arte utilizzando l’apprendimento automatico o machine learning. PAIR invece ha prodotto gli strumenti che mettono a disposizione di tutti questa tecnologia, e la rendono fruibile e divertente.

Il doodle è semplice da utilizzare. Dopo aver aperto la pagina di Google di ricerca, cliccate sul doodle e il sistema di machine learning verrà caricato. Una introduzione spiega il funzionamento della musica, partendo dalle singole note al concetto di accordi e armonizzazione. Per chi fosse già ferrato sul tema, sarà possibile cliccare su “salta introduzione” per andare subito alla composizione. 

L’utente potrà quindi scegliere delle note e compilare a suo piacimento (e orecchio) un pentagramma. Poi cliccando sul tasto armonizza, ecco che l’intelligenza artificiale “allenata” da 306 composizioni di Bach si mette all’opera. Dopo aver analizzato le possibili armonie, ne uscirà una melodia che rispecchia lo stile del compositore tedesco e che può essere condivisa con gli amici via chat o via social network, oppure scaricata direttamente sul proprio dispositivo. Un’esperienza decisamente fruibile e divertente per avvicinarsi non solo alla musica, ma al mondo emergente delle intelligenze artificiali e del machine learning. (Google)